coronavirus

I Medici e gli Odontoiatri Liberi Professionisti esclusi dalle Priorità del Piano Vaccinale COVID19

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 03 gennaio 2021

Sei favorevole o contrario al vaccino anti-Covid? Partecipa al sondaggio

Riteniamo necessario che l’accesso con carattere prioritario al protocollo di vaccinazione anti SARS COV-2 previsto per i Medici SSN e Privati convenzionati, sia parimenti garantito ai Medici e agli Odontoiatri Liberi Professionisti presenti sul territorio italiano.

La vaccinazione "in via prioritaria nelle fasi iniziali” (Rif. Doc. Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 PIANO STRATEGICO – linee guida di Governo, Iss, Aifa ed Agenas) è stata difatti garantita agli Operatori sanitari e sociosanitari pubblici e privati accreditati “in prima linea”, considerati quindi a rischio più elevato di esposizione all’infezione da Covid-19 e di trasmissibilità a pazienti suscettibili e vulnerabili in contesti sanitari e sociali.

Questa è a nostro avviso una decisione giusta.

Parimenti, non comprendiamo però, come nella grande classificazione dei Servizi Sanitari, erogati in ambito pubblico, privato convenzionato e privato-privato, siano stati esclusi proprio i Medici e gli Odontoiatri Liberi Professionisti.

Questa grande Categoria è parimenti impiegata a servizio e tutela della Salute nazionale e, quotidianamente, rischiando la propria Salute al pari dei Colleghi SSN, abbatte con i propri Servizi Sanitari Privati, le liste d’attesa pubbliche, garantendo l’accesso alle Cure di una parte della Popolazione italiana, nel rispetto delle Leggi e a favore delle Casse erariali.

Un’eventuale azione non globalmente inclusiva, andrebbe a nostro avviso, non soltanto a contribuire al rischio di creazione di una categoria di Medici di “serie A” ed una di Medici di “Serie B”, ma anche (cosa più importante) ad una significativa disarmonia nella garanzia di protezione dal rischio biologico di questi Sanitari, ed a cascata, dei loro Pazienti e Familiari.

Auspichiamo quindi che questa richiesta che riteniamo del tutto legittima, ed improntata alla tutela della salute di Personale ad alto rischio di esposizione all'infezione da SARS COV-2, parimenti ai propri cittadini pazienti, sia prontamente accolta dalle Autorità governative italiane, con la ratifica urgente di un provvedimento volto ad includere questi Professionisti sanitari, all'interno delle priorità delineate dal protocollo vaccinale.

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

3 commenti

#1
Dr. Mauro Colangelo
Dr. Mauro Colangelo

Luigi,
sono al pari tuo perplesso e rammaricato di questa discriminazione e sottolineo la tua affermazione che questa categoria di Sanitari sta tamponando il disservizio attualmente esistente sul territorio nell'ambito della medicina pubblica. Non infrequentemente infatti veniamo richiesti di prestazioni urgenti, che normalmente sono espletate dagli ospedali, perché i pazienti hanno timore di accedervi quando addirittura non invogliati a rivolgersi a specialisti privati, talvolta dagli stessi operatori che erogano il primo soccorso. All'Ordine di Napoli mi hanno confermato che "saremo chiamati", previa adesione volontaria al programma di vaccinazione, dopo i medici "di prima linea".
Ritengo di notevole significato il tuo articolo-denuncia e vorrei proporre allo Staff di portarlo alla conoscenza del Ministero della Salute.
Un caro saluto

#2
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

Carissimo Mario, ritengo che non ci sia tempo da perdere, sebbene il tuo commento sia per ora il primo che leggo: la cosa mi stupisce un poco (ma sono convinto che arriveranno altri), poiché proprio mediciItalia accoglie centinaia di liberi professionisti medici ed odontoiatri che vivono la medesima condizione, con gli stessi rischi per Noi, ma soprattutto per i nostri Pazienti anche meno giovani. Questo pur al netto della nostra osservanza alle più restrittive regole per la riduzione del contagio da SARS-CoV-2.

Concordo con Te che l’unione faccia la forza e per tale ragione ho scritto in tal sede, auspicando una forte adesione a questo urgente appello.

#3
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

Scusa Mauro, l’autocorrettore ti aveva ribattezzato in Mario..;))

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Approfondimenti su "Covid-19"

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati