Gestione dell'ipertiroidismo in gravidanza

Dr. Sergio Di MartinoData pubblicazione: 01 novembre 2013

La gestione dell'ipertiroidismo in gravidanza e' una problematica estremamente delicata e complessa di pertinenza dell'endocrinologo.

L'American Thyroid Association e l'Endocrine Society, hanno pubblicato negli ultimi due anni, linee guida sulla gestione dell'ipertiroidismo in gravidanza.

Entrambe sono sostanzialmente concordi sull'opportunita' di utilizzare il Propiltiouracile nel primo trimestre di gravidanza mentre andrebbe preso in considerazione il passaggio al Metimazole nel secondo e terzo trimestre.

Il Metimazole viene inoltre considerato come farmaco di scelta anche durante il periodo di allattamento.

Queste indicazioni vengono riprese e sottolineate da Alamdari S e coll,  nel numero di Maggio 2013, di J.Thyroid Research.

Fonte http://www.hindawi.com/journals/jtr/2013/878467/

Autore

s.dimartino
Dr. Sergio Di Martino Endocrinologo, Diabetologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1989 presso Universita' di Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 24598.

7 commenti

#1
Utente 325XXX
Utente 325XXX

Salve dottore , ieri ho scoperto di essere incinta facendo il test . Poi nel pomeriggio ho avvertito un po' di dolori con mio marito ci siamo recati in peonto soccorso, la gine mi ha fatto una ecografia e mi ha detto che sono incinta di 4sett e 3 giorni xo' ho la beta hcg a 27, 52. Cosa vuol dire? Grazie

#2
Utente 325XXX
Utente 325XXX

Secondi lei e a rischio la mia gravidanza? La ringrazio spero mi dia una bella risposta

#3
Utente 325XXX
Utente 325XXX

Secondi lei e a rischio la mia gravidanza? La ringrazio spero mi dia una bella risposta

#4
Dr. Sergio Di Martino
Dr. Sergio Di Martino

Verosimilmente il valore della beta per il periodo della gravidanza dovrebbe essere piu' alto.
In ogni caso e' una problematica che va affrontata necessariamente col ginecologo.

#5
Dr. Agostino Menditto
Dr. Agostino Menditto

Il test è stato eseguito molto precocemente e con questi valori è presto per esprimere una prognosi. Per verificare l'andamento potrebbe ripetere l'esame presso lo stesso laboratorio a distanza di 4 giorni dal precedente, tenendo conto che i valori della beta HCG dovrebbero raddoppiare ogni 48-72 ore. In ogni caso è corretto che faccia riferimento al suo ginecologo.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche tiroide 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Endocrinologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati