Helicobacter pylori è un fattore di rischio anche per le neoplasie del colon

Dr. Andrea FavaraData pubblicazione: 29 marzo 2013

HelicobacterNon si tratta di una novità in senso assoluto: già due metaanalisi in passato avevano studiato il rapporto e stabilito una relazione tra infezione e aumento dei rischio di sviluppare tumori benigni o maligni al colon.

Si trattava però di lavori con piccoli numeri e nei quali l’ infezione veniva determinata mediante esami ematici.

Uno studio attuale invece condotto negli Stati Uniti e appena pubblicato ha analizzato ben 156000 pazienti sottoposti sia a gastroscopia sia a colonscopia alla ricerca di una relazione tra la gastrite associata a Helicobacter Pilori istologicamente determinata e la presenza di neoplasie coliche.

Si è evidenziata maggiore incidenza di polipi iperplastici, adenomatosi, tubulari e villosi, con displasia di grado severo e soprattutto di adenocarcinomi nei pazienti con una diagnosi contemporanea di gastrite Heliclobacter positiva.

Il rischio sembra  riguardare tutti i tipi di polipi colici e non è limitato solo alla gastrite ma è presente anche per  la metaplasia intestinale gastrica, gli adenomi, i linfomi e il carcinoma allo stomaco.

Il presente studio ha i suoi punti di forza nella numerosità del campione e nei criteri rigorosi, endoscopici ed istologici per stabilire le diagnosi.

L’ associazione si è dimostrata quindi particolarmente significativa per gli adenocarcinomi rispetto ai polipi benigni e riguarda tutte le localizzazioni.

 

Cancro al colonIl meccanismo alla base del fenomeno non è stato ancora chiarito anche se pare prevalente l’ ipotesi secondo la quale una maggiore produzione dell’ ormone gastrina da parte dello stomaco infetto contribuisca a fattore di stimolo per le neoformazioni coliche.

SI è quindi ipotizzato che la maggiore eradicazione dell’ infezione ottenuta negli ultimi anni abbia contribuito in qualche modo a ridurre l’ incidenza di neoplasie colorettali.

 

Andrebbe forse considerato infine  eradicare l’ infezione anche al di fuori delle note e standardizzate indicazioni al fine di prevenire lo sviluppo di queste neoplasie e  studiare il colon mediante colonscopia anche in pazienti asintomatici non a rischio in presenza di infezione in atto per una diagnosi precoce.

 

A.Sonnenberg,R.Genta, Am.J. Gastroenterol 2013;108:208-215

 

Autore

andreafavara
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Universita' Studi Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 31610.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche helicobacter 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gastroenterologia e endoscopia digestiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati