L’Agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare, l'ambiente e il lavoro, in una nota di mercoledì 12 giugno 2019 lancia un allarme sui persolfati e raccomanda di limitarne il contenuto nei prodotti per la decolorazione dei capelli.

Gli ingredienti attivi di queste decoloranti, appunto i persolfati, sono pericolosi per la salute. Da tempo, anche in Italia ovviamente, sono noti i possibili effetti dannosi derivanti dalla esposizione a questi sali. I dati pubblicati dall’ANSES sono molto significativi: tra il 2001 e il 2015 sono stati identificati oltre 1.000 casi di malattie professionali: asma, dermatite allergica, rinite, orticaria o shock anafilattico.

In oltre il 90% dei casi identificati, si tratta di parrucchieri. L'ANSES raccomanda di "ridurre al minimo l'esposizione dei professionisti” con il corretto e assiduo uso dei DPI (guanti e maschera).

Per chi è sottoposto al trattamento decolorante (molti di coloro che si tingono i capelli), il rischio è ovviamente più basso perché l'esposizione è meno frequente. Anche tra di loro sono stati identificati però alcuni casi. Per questo, l’ANSES consiglia di proteggersi.

Dati simili a quelli ANSES sono stati raccolti nel Regno Unito, in Danimarca, nei Paesi Bassi e in Germania.

A questo link la pubblicazione ANSES:

https://www.anses.fr/fr/content/l’anses-recommande-de-restreindre-les-substances-persulfates-dans-les-produits-capillaires

Logo medicitalia.it