I farmaci antipertensivi aumenterebbero il rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile?

Dr. Ruggiero PaderniData pubblicazione: 30 settembre 2014

Vasodilatatori e Beta-bloccanti: alleati del cuore ma nemici della vista?

Secondo lo studio Beaver Dam Eye, pubblicato sulla rivista Ophthalmology nell'Agosto 2014, l'utilizzo di farmaci antipertensivi come betabloccanti e vasodilatatori, comporterebbe un incremento dell'incidenza di DMS (Degenerazione Maculare Senile) pari al 71%.

In particolare i betabloccanti sarebbero associati ad un maggior rischio di sviluppo della forma essudativa rispetto ai vasodilatatori.

Tuttavia, mentre i vasodilatatori sarebbero in grado di accelerare la progressione di una DMS già manifesta, i betabloccanti non influiscono sul decorso della patologia.

Lo studio è stato condotto su ben 9676 pazienti, sottoposti ogni 5 anni ad una valutazione oftalmoscopica del grado di severità della maculopatia, per un follow up totale durato 20 anni.

 

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24793737 

Autore

r.paderni
Dr. Ruggiero Paderni Oculista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2008 presso Università di Palermo.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 42769.

1 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche maculopatia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati