Le terapie anti-VEGF hanno avuto un successo enorme nella gestione

dell'AMD neovascolare. 

Grazie alla terapia anti-VEGF oggi milioni di persone nel mondo tornano a vedere. Tuttavia, nonostante l'efficacia e la sicurezza delle attuali terapie di iniezione intravitreale anti-VEGF, rimane il grosso inconveniente della terapia mensile o bimestrale con la ripetizione dell'iniezione intravitreale.

 

 

Una soluzione sarebbe quella un dispositivo di somministrazione del farmaco Anti Vegf a lungo termine. Tale dispositivo potrebbe eliminare l'onere di ripetere le iniezioni intravitreali. Il Port Delivery System con ranibizumab (PDS; Genentech) è un dispositivo in fase di test con uno studio di registrazione di fase 3.

Il PDS è stato progettato come un serbatoio di Anti Vegf permanente, riutilizzabile, posizionato chirurgicamente. I

l dispositivo viene inserito attraverso un'incisione sclerale di 3,5 mm nella pars plana Il dispositivo può 20 contenere microlitri di Anti Vegf Ranibizumab (100 mg / ml). All'estremità del dispositivo, c' è una membrana di titanio semipermeabile che consente la diffusione passiva del farmaco nel vitreo, un processo che segue la legge di diffusione di Fick.

Il dispositivo viene riempito con uno speciale ago di ricarica che scarica il dispositivo e contemporaneamente lo ricarica con il nuovo ranibizumab 

Attualmente, il dispositivo è stato testato con 100 mg / ml di ranibizumab nello studio di fase 3, che è stata la dose più efficace dimostrata nello studio di fase 2 di LADDER. A mio parere, la genialità di questo dispositivo rispetto ad altri che vengono studiati è la sua semplicità nel design. 

ILa maggior parte dei pazienti era stata diagnosticata con AMD nei precedenti 4 mesi (range 3,2-3,9 mesi) e aveva in media 3 iniezioni precedenti. 

 

 

 

Le procedure erano relativamente sicure, sebbene ci fossero alcuni casi di endoftalmite e distacco della retina. Non sono stati identificati segnali di sicurezza sistemici evidenti. Le procedure, eseguite in regime ambulatoriale in anestesia locale con sedazione,

È un obiettivo essenziale che tutti i chirurghi oculisti siano ben addestrati prima del loro primo intervento chirurgico.

Eliminando l'onere della terapia attuale, questo tipo di impianto potrebbe produrre ottimi risultati visivi a lungo termine.

 

MEDICITALIA.it

I contenuti scientifici sono forniti gratuitamente dai professionisti medici chirurghi specialisti oculisti.

 È vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza autorizzazione.

Logo medicitalia.it