Felice 2018

Dr.ssa Valeria RandoneData pubblicazione: 01 gennaio 2018

Meno tre, meno due, meno uno: Auguri!!!
Siamo, più o meno, sopravvissuti ad auguri, aforismi di tutti i generi e tipo, a frasi fatte e ad altre fatte proprie.

Ed ancora, a code interminabili al supermercato, ed al fascino del regalo dell’ultimo minuto, perfettamente inutile, e probabilmente riciclabile.

A pranzi, infiniti, ad auguri e rituali di ogni genere.

Il calore dei messaggi di perfetti sconosciuti che millantano la tua approfondita conoscenza e che ti augurano ogni bene, pace, amore e prosperità.

Siamo sopravvissuti a parenti, amici, conoscenti e sconosciuti che hanno invaso il nostro cellulare, ed eccoci qua con la solita lista dei buoni propositi.

Il significato dei riti

Il capodanno è la festa del simbolismi e dei rituali, più o meno scaramantici e propiziatori.
“Chi fa l’amore a capodanno, lo fa tutto l’anno” e così via.

Le tavole abbondano - per i più fortunati - di cibi propiziatori che evocano abbondanza e prosperità, per proseguire poi, con piatti buttati via dal balcone, botti e spari.

Proverbi, modi di dire e modi di fare, per concludere con intimo rosso e pericolosissimi – e vietatissimi - spari.

Il passaggio simbolico dal vecchio al nuovo anno, sembra dover essere accompagnato da un modus operandi ricco di simbolismi e di scaramanzie, di rotture e nuovi magici inizi.

 

  • Perché abbiamo bisogno di questi simbolismi?
  • Perché dobbiamo buttare via qualcosa di vecchio?

 

Disfarsi di qualcosa di vecchio significa soprattutto abbandonare il superfluo ed il dannoso, unitamente a quanto è stato doloroso per la nostra salute fisica e psichica.

Trattasi di un simbolismo estremo, perentorio, lapidario e rapido.

Il rumore inoltre, conferisce un certo non so che al rito.

La psiche però, non ha tempi così immediati e se vogliamo affrontare un cambiamento interno, dobbiamo passare da un lungo lavoro di introspezione e di analisi interiore.

Nulla avviene magicamente e velocemente.

Il vecchio piatto lanciato dal balcone, non solo corre il rischio di ferire un passante ignaro e soprattutto non responsabile del nostro malessere, ma non si trasforma ad esempio, nella fine di un legame malsano, o nella promozione lavorativa tanto agognata.

 

Le festività e gli affetti: dalle famiglie normo costituite agli amanti

Le festività, come sappiamo, sono un potente detonatore dell’inconscio.
Amplificano ogni gioia ed ogni dolore, ogni mancanza ed ogni presenza.
Così, ci sono presenze che diventano assenze, ed assenze che diventano presenze.
Coniugare poi, le festività agli affetti é davvero un progetto arduo e faticoso.
Ci sono le famiglie normo costituite, con tanto di nonni e doni sotto l’albero, dove la peggiore cosa che può succedere è quella di dover cenare con la zia sconosciuta e collerica, e doverle anche acquistare un regalo.

Ci sono anche le famiglie dilaniate e ricomposte, ed i figli del divorzio.

I figli del divorzio, con due case, due spazzolini, due alberi di Natale, più o meno otto nonni, i "vantaggi secondari ed economici" della famiglia allargata, ed i dolori da famiglia smembrata e, più o meno, ricomposta.

E poi, ovviamente, ci sono gli amanti.

Coloro che non scelgono.

Coloro che inviano email d’amore e di mancanza, ma tagliano il panettone e spacchettano i doni sotto l’albero del soggiorno di casa, per poi rinchiudersi nell’affollato sgabuzzino delle scope, per chattare come clandestini, in attesa del tanto atteso brindisi.

Virtuale s’intende.

 

La lista dei desideri e dei buoni propositi

Il famigerato primo gennaio sarà portatore di tante promesse, quasi tutte mai mantenute:

 

  • La costanza nello sport
  • La dieta alimentare 
  • Gli stili di vita più sani
  • Immaginarsi meno collerici e concitati nella vita e nei legami
  • La sospensione dei più svariati vizi "capitali".

Quanti desideri, ma quante bugie!

 

“ Molto più importante di quello che sappiamo o non sappiamo, è quello che non vogliamo sapere”

Eric Hoffer

 

Un augurio affettuoso a tutti noi.

 

Letture consigliate:

Autore

valeriarandone
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1992 presso La Sapienza-Roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia tesserino n° 1048.

3 commenti

#1

Auguri, auguri , cara Valeria.. e auguri a tutti, ciascuno ha i propri propositi e i propri sogni , le cose da cambiare e quelle da lasciar scivolare via, questo bisognerebbe fare.. più che buttare perigliosamente le cose dalla finestra, lasciar perdere, quel piccolo rancore, anche quella delusione, e girare pagina..volare più alto, con sguardi coraggiosi..questo fa bene al cuore e all’armonia..! Abbracci e felicità ! .. Magda

#3
Utente 447XXX
Utente 447XXX

Non male

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche Capodanno 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati