Coronavirus e dialisi: le raccomandazioni dell’American Society of Nephrology

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 12 marzo 2020

COVID-19 e dialisi, queste sono le raccomandazioni proposte dallAmerican Society of Nephrology (ASN) per fronteggiare ed affrontare tutte le questioni, le domande e le preoccupazioni relative alla gestione del coronavirus in un centro di dialisi ambulatoriale.

 

I pazienti in dialisi possono essere considerati una categoria a rischio se colpiti dal COVID-19 (abbreviazione inglese per dire Coronavirus Disease 2019).

A questo proposito viene raccomandato che le strutture che praticano la dialisi garantiscano un triage (brutto termine francese che significa «cernita, smistamento») rapido e l’eventuale isolamento di pazienti con sintomi sospetti per un problema respiratorio, come febbre o tosse.

 

Il personale medico e infermieristico dovrebbe individuare questi pazienti prima o immediatamente dopo l’arrivo nella struttura (alla registrazione, durante il triage o al momento del check-in).

Coloro che entrano in una stanza di terapia devono essere solo il personale medico strettamente necessario, e il tempo nella stanza di cura deve essere limitato solo a quello del trattamento.

Tutti gli eventuali aiutanti, i fornitori e il personale medico che partecipano alla dialisi devono indossare adeguate attrezzature di protezione personale, e cioè guanti, abiti adeguati, occhiali per proteggere gli occhi e una maschera del tipo N-95 od eventualmente, se disponibile, un respiratore di livello superiore; se le maschere N-95 non sono disponibili, si devono almeno indossare una maschera chirurgica e comunque sempre tutti i dispositivi di protezione personale e sempre è necessario ridurre allo stretto essenziale il tempo nella stanza di dialisi.

 

Infine a tutti i pazienti con sintomi sospetti dovrebbe essere chiesto se hanno viaggiato in un'area geografica interessata alla pandemia da COVID-19 negli ultimi quattordici giorni o se hanno avuto un contatto più o meno ravvicinato con una persona sospetta o con malattia conclamata da COVID-19.

 

Fonte:

https://www.renalandurologynews.com/home/news/nephrology/hemodialysis/dialysis-facilities-brace-for-covid-19/

Altre informazioni:

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati