Nel 1998 viene offerto alla Dottoressa Jerry Lin Nielsen, dottoressa statunitense specialista in medicina d’ urgenza, un contratto annuale in qualità di unico medico in servizio alla base antartica Amundsen-Scott al Polo Sud.

Alla base sono presenti 41 ricercatori, durante l’ inverno da febbraio a ottobre la temperatura abituale è -60° centigradi, si resta al buio per sei mesi e completamente isolati dal resto del mondo per le avverse condizioni atmosferiche che rendono impossibili gli spostamenti. Il personale della base deve quindi avere completa autonomia in questo periodo.

Durante il soggiorno la Dottoressa Nielsen, allora quarantasettenne, scopre casualmente un nodulo al seno, consulta via email i colleghi negli Stati Uniti e decide di eseguire una agobiopsia su se stessa del nodulo.

La dottoressa si fa aiutare dal personale non medico della base che viene istruito facendo delle prove su carne di pollo. Il campione prelevato tuttavia non è adeguato per porre una diagnosi, viene quindi organizzata una spedizione con un aereo militare che raggiunge la base ma, non potendo atterrare, lancia sulla base con un paracadute il materiale idoneo. La biopsia viene ripetuta e questa volta la diagnosi è chiara: cancro. La base è ancora irraggiungibile ed è impossibile partire. La dottoressa inizia quindi ad autosomministrarsi prima terapia ormonale e poi chemioterapia secondo le indicazioni che riceve dai colleghi lontani.

Il 6 ottobre, ancora in pieno inverno , viene finalmente organizzata una missione di recupero a mai tentata prima in questo periodi dell’ anno ed un aereo raggiunge la base, recupera la dottoressa, un altro ricercatore che aveva subito una trauma all’ anca e lascia alla base un collega a sostituirla.

Dopo questo episodio sono due i medici presenti contemporaneamente all’ interno della base.

Una volta rientrata vengono completate le terapie, eseguito un intervento chirurgico di mastectomia e la malattia appare sotto controllo fino al 2005 quando compaiono metastasi ossee ed al fegato.

Rientrata dalla base la Dottoressa gira il mondo tenendo conferenze e raccontando la sua storia analizzando l’ aspetto psicologico dell’ incredibile evento che ha vissuto che ha elementi in comune con il chirurgo russo Leonid Rogozov, che si operò da solo di appendicectomia in simili circostanze.

Nel 2009 dopo progressione della malattia Jerry Nielsen muore a 57 anni.

La sua storia è stata raccontata in un’ autobiografia scritta in collaborazione e successivamente diventata un film, ‘Ice Bound’ nel quale Susan Sarandon interpreta la dottoressa.

La storia della medicina è ricca di episodi simili nei quali i medici per diverse circostanze si trovano a curare per necessità se’ stessi e hanno in comune una forte motivazione.

"Preferirei non averlo, ma il cancro è parte di me", ha dichiarato una volta. "Ognuno deve aver qualcosa. Alcune persone sono brutte, alcune persone sono stupide. Io ho il cancro."
Jerry Nielsen.