Di una sospensione oftalmica di rebamipide , cioè di un collirio contenente questo principio attivo se ne era già parlato sin dal congresso dell' ARVO in Florida nel 2011 (maggio 1-5, 2011, Fort Lauderdale, Florida, USA).

Lo studio pubblicato sul sito www.aao.org ormai in fase di sperimentazione molto avanzata è stato condotto in Giappone su 308 pazienti con segni e sintomi di secchezza oculare (dry eye) (dati sino al febbraio del 2012).

Il lavoro dei ricercatori giapponesi per esaminava l'efficacia e la sicurezza di una sospensione oftalmica di rebamipide 2% rispetto al collirio di controllo di 0,1% soluzione oftalmica ialuronato di sodio.

I risultati dello studio sperimentale e clinico dimostrano che, oltre al miglioramento delle lesioni corneo-congiuntivali in pazienti con occhio secco, la sospensione oftalmica rebamipide ha anche mostrato un miglioramento dei sintomi soggettivi come sensazione di corpo estraneo e dolore oculare e impressioni trattamento globale soggetto.

Il collirio a base di Rebamipide ha un nuovo meccanismo d'azione che stimola la produzione di mucina nella superficie oculare (sia la cornea e la congiuntiva), stabilizzando il film lacrimale ed è quindi efficace nel trattamento dell'occhio secco.

Il principio attivo Repamipide è stato scoperto in giappone da Otsuka Pharmaceutical e lanciata dapprima in compresse nel 1990 in Giappone come agente un anti-ulcera gastrica.

Il DRY Eye = occhio secco è uno delle patologie più diffuse trattate dai medici oftalmologi. Nelle persone con occhio secco, la quantità di mucina presente nelle lacrime diminuisce , con conseguente instabilità nello strato acquoso che copre lo strato di mucina, portando a danni agli epiteli corneali e congiuntivali.

I pazienti affetti da occhio secco presentano spiacevoli sintomi come

"secchezza",

"sensazione di corpo estraneo," e

"dolore agli occhi", così come i sintomi soggettivi relativi alla vista, compresa la

"difficoltà a vedere nitidamente " e

"visione offuscata."

Tale sintomi spesso interferiscono con la vita quotidiana dei malati di occhio secco. Attualmente il gruppo di lavoro di riferimento è quello guidato da Shigeru Kinoshita MD PhD - www.AAO.org

 

L'autore non ha alcun iteresse commerciale con le ditte farmaceutiche impegnate in questa ricerca