Capita di imbattersi sul Web  in siti dove promettono  corsi miracolosi che eliminano  e sconfiggono la balbuzie, ognuno di questi finti terapeuti della parola si  danno arie su come eliminare la balbuzie, raccontano di come hanno fatto  essi stessi ad uscire dal problema, nulla di male se non fosse che commettono un errore semplice: dimenticano  che la balbuzie e un sintomo multifattoriale e complesso (Guitar, blooddstein, van Ripper 1992). 
Dove l'eziologia la patogenesi del disturbo tortura ancora oggi la comunità scientifica. Capita di sentire colleghi psicologi  e psicoterapeuti convinti che la balbuzie sia solo inconscia e quindi le interprettazioni Freudiane fantasiose poivono dal cielo: complesso edipico, nevrosi ossesiva, meccanismo di difesa (il bambino si difende  da un impulso di parole sconcie), blocco oro anale ecc, a volte mi fanno anche sorridere della  loro fantasia.
 
Esistono tre  forme di balbuzie cosi come tre grandi filoni di spiegazioni alla balbuzie cosa che non spiegero' qui, (vi rimando ad  mio precedente articolo  sul tema vedesi link sulla bibliografia), spesso si dimenicano  che parlare di disfluenza non è parlare di balbuzie, inoltre sono in accordo con la sttutering Foundation of America  (S.T.A) quando ammettono la variablità  del disturbo nel affermare che la stessa tecnica fonologica sviluppata per uno soggetto balbuziente non può avere  effetti sul secondo, da qui la  mia logica razionale  mi fa concludere che lavorare con un balbuziente significa lavorare per cercare un modello di parola personalizzato,ad hoc costruito sulla sua persona, cosi da ricconoscere come suo vestito fatto per lui.
Putroppo questo non accade con i ciarlatani e finti terapeuti di parole che promettono miracoli.
Mi vengono  in mente i pazienti balbuzienti che ho in trattamento ed il mio gruppo  terapeutico costitituio ad Ancona per balbuzienti. Ho appresso anche grazie alla mia esperienza personale con l'equipe di Punto Parola condotta dal Prof.Piero D'Erasmo e (AIBACOM)  di Piero Pierotti che  nella  approcciarsi alla balbuzie si deve intervenire in  modo integrato  coinvolgendo il grande strumento che è il Corpo.
 
Dalla balbuzie si esce è cosi raggiungere  anche una  buona fluenza  personale, ma solo se  trovata nel   proprio corpo  (La balbuzie nel corpo  libro in stampa ). Senza coinvolgere il corpo la balbuzie e cosi la sua cura rimarrà un concetto  solo asettico.  Sono convinto che la balbuzie sia un disturbo psicofisiologico prima e poi psicologico solo perchè reazione  al primo.
 
Per ritornare al nostro discorso non si deve assolutamente introiettare  un modello di parola  esterno offerto da questi finti terapeuti del linguaggio. Anche perchè sul piano pratico non è spendibile fuori, si rammentano alcune metodologie prese in prestito da altri logopedisti nel panorama mondiale secondo il mio punto di vista non spendibili ad esempio:
  • Metodo colombat (si usa  il metronomo  per imparare a  fare la sillabazione)
  • Cantilena psicofonica (Metodo Mastrangeli)
  • Psicodizione
  • Tecniche logopediche e fonologiche
 
N.B. Fonte La balbuzie percorsi integrati  Kazanxhi in Stampa 
 
Quello che colpisce e che questi modelli sono difficilmente applicabili nella vita quotidiana ,quindi da non usare.
 
Bisogna invece cercare una proprio modello di parola confort adeguato alla mia persona, spesso persone che vengono da questi corsi parlano bene, cosi bene che dura  solo pocchisimi giorni, giusto il tempo di tornare a casa.  La luna di miele, il gruppo terapeutico e  l'esperienza appena fatta finisce  e  quindi si torna nella realtà quotidina. La  quotidianità e fatta di problemi, di persone che non balbettano che non fanno psicodizione e  non cantano quando parlano, questo diventa un primo scontro. Quindi si riccomincia a realizzare che:
 
-Non si può cantilenare mentre si parla con un amico al bar oppure all'ufficio,
-Non si può accentuare la doppia consonante apprendo esageratemente la bocca,
-Non si può parlare con gli altri facendo dizione da teatro.
 
 
Che fare allora?
 
Tema del mio prossimo libro la balbuzie nel corpo
 
La balbuzie  nel corpo tema del mio prossimo libro darà uno sguardo reale al tema della balbuzuie visto come  una disturbo multifattoriale eziopatogenetico dove l'individuo secondo il mio personale punto di vista avrà ha che fare per tutta la vita. Nel senso che parlare di sconfiggere  qualcosa di sè vuole dire non essersi mai amati, rimarrano sempre delle piccole disfluenze  nemeno udibili alle orecchie degli altri.
 
Arrichito di confronti tra  modelli psicoterapici (evidence based) tra cui E.M.D.R Terapia cognitiva C.B.T. e Psicoterapia Corporea. Il profesionista, il balbuziente, il genitore potrà cosi rivedere alcune delle più note teorie di cura verso la persona balbuziente  e cosi scegliere anche la metodologia più adatta.
 
Quindi promettere la eliminazione della balbuzie, la sconfitta della balbuzie  è per il mio personale punto di vista  essere dei ciralatani. Io  i ciarlatani li conosco bene esitono in ogni ambito medico,scientifico,psicologico.
 
Se volete difenderVi   da questa gente imparate a leggere articoli, visitate il sito americano di S.T.A. collegatevi contattemi e fattemi  delle domande vi darò di sicuro dei utili suggerimenti.
 
Bibliografia:
 

L’io la fame l’aggressività collana Psicoterapie Edizione F. Angeli 1995

Balbuzie : Percorsi teorici e clinici integrati Edizione Mc Graw-Hill 2005.

La balbuzie: prevenzione e terapia F.P.Murray Edizione Red  2003.