0/0
Aggiungi ai preferiti

Dito a martello


venerdì 13 aprile 2012 da Utente 247xxx
Salve dottori,
A settembre del 2010 ho subito un infortunio al quarto dito della mano a causa di una pallonata. Pensando ad una frattura di poco conto, mi sono recata dal medico di famiglia, il quale mi ha consigliato di fare uso di una stecca per tenere fermo il dito. A causa del forte dolore e di uno strano incurvamento del dito, mi sono recata da un chirurgo, il quale mi ha proposto l'intervento chirurgico ( facoltativo ). Il 28 febbraio mi hanno operato, hanno visto che il frammento osseo ( molto piccolo) si era posizionato ed incastrato nel tendine estensore e me l'hanno tolto. Non hanno fatto utilizzo di filo di K. Ma di una microancoretta. Da febbraio ad oggi ho portato un tutore poiché il dito anche dopo l'operazione era rimasto curvo, e ogni due settimane mi recavo dal chirurgo per i controlli. Giovedì ho avuto l'ultimo controllo, nel quale il chirurgo ha affermato che potevo togliermi il tutore perché il dito era guarito. Mi ha messo comunque un tutore ( più largo ) per ripararlo da eventuali colpi. Il giorno dopo (13/04/2012) durante la mattinata, il tutore mi è caduto ( a causa del tutore troppo largo ) e anche durante il pomeriggio cadeva di continuo. Questa sera ho tolto il tutore e ho teso le dita per vedere se il dito era rimasto dritto come il giorno dell'ultima visita (12/04) e invece è tornato incurvato sebbene tutto questo tempo di iper estensione! Mi affido a voi esperti per sapere cosa dovrei fare. Grazie dell'attenzione e delle vostre risposte.

Cordiali Saluti
Antonella Gaspari

Segnala allo staff

Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
Gentile Signora,

purtroppo non ha che due scelte: tenere il dito come è adesso oppure fare un ulteriore intervento chirurgico.

Buona notte.

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 14 aprile 2012, dopo 1 ore
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Mi scusi Dottore, ma per una svista ho scritto 2010 invece di 2011. Spero cambi qualcosa, poiché tenere il dito così è improponibile a causa del continuo dolore. Lei comunque consiglia di utilizzare il filo di K. In una prossima ed eventuale operazione?

Grazie della pazienza,
Cordiali saluti

sabato 14 aprile 2012, dopo 13 ore
replica #2  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Mi scusi Dottore, ma per una svista ho scritto 2010 invece di 2011. Spero cambi qualcosa, poiché tenere il dito così è improponibile a causa del continuo dolore. Lei comunque consiglia di utilizzare il filo di K. In una prossima ed eventuale operazione?

Grazie della pazienza,
Cordiali saluti

sabato 14 aprile 2012, dopo 3 minuti
replica #3  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
L'intervento di riparazione del tendine richiede pressochè sempre l'uso del filo di K.

Credo anche io che prima o poi dovrà sottoporsi all'intervento chirurgico.

Buona domenica.

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 14 aprile 2012, dopo 10 minuti
replica #4  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Gentilissimo Dottore,
purtroppo la situazione va di male in peggio! Il dito risulta ancora molto incurvato e i dolori nel sollevare oggetti o nel piegare la falange sono tuttora presenti. Mi sono recata nuovamente dal medico di famiglia, il quale ha notato subito che il dito stava 'rigettando' il corpo estraneo, cioè l'ancoretta della mia prima operazione: il dottore mi ha 'spurgato' il dito con un ago, rimuovendo tutto il pus e l'infezione che si era creata e mi ha consigliato di applicare Betadine. Il dito è tuttora annerito nel punto in cui mi hanno operata, l'unghia presenta dislivelli e alla base della stessa, ogni giorno, si crea una crosticina molle. Inoltre ho un buco posto nel centro esatto della falange, da cui spunta un filo di stoffa dalla pelle. Il chirurgo mi aveva avvertita che quel filo teneva ferma l'ancoretta, ma il medico di famiglia ha notato che l'ancoretta non è stata fissata bene. Avendo 19 anni, temo che un'altra operazione possa peggiorare la situazione e arrecarmi ancora più dolore. Lei pensa che con un'operazione con utilizzo di filo di K. la situazione possa migliorare oppure il tendine si è già ''abituato'' a questa situazione e corro il rischio che il dito mi rimanga in questa posizione?

La ringrazio infinitamente della sua pazienza.
Cordiali Saluti.

venerdì 5 ottobre 2012
modificato dopo 2 minuti
replica #5  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
Gentile Signora,

mi spiace sentire che a distanza di 2 anni (dico bene ?) continua ad avere tanti problemi.

Personalmente (ma questa è una mia opinione personale) sono contrario alle micro-ancorette in quella sede, in quanto lo spessore dei tessuti molli dorsalmente all'ultima articolazione è estremamente modesto e mal si concilia con qualcosa che ha una sia pur minima dimensione (ancoretta).

Tanto più che non esisteva il frammentino osseo (lei ha detto che è stato rimosso), si poteva tentare una tenorrafia semplice.

In ogni caso, è ovvio che a questo punto va eliminata la causa dell'infezione ricorrente, cioè il corpo estraneo.

Buon pomeriggio.

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
venerdì 5 ottobre 2012, dopo 22 minuti
replica #6  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Gentilissimo Dottore,

4 giorni fa mi sono ri-operata. Purtroppo il chirurgo ha dovuto bloccare la falange distale, poichè non ha trovato abbastanza tendine. Ha utilizzato anche il filo di Kirschner. Le scrivo per chiederle se a questo punto, la falange distale mi arrecherà limitazioni nelle azioni quotidiane, ma soprattutto in ambito sportivo, più precisamente equestre. Sono molto preoccupata, tant'è che non riesco ad essere positiva e credo che questo possa portare complicazioni nella guarigione del dito.

Cordiali Saluti e Buon pomeriggio.

giovedì 15 novembre 2012
modificato dopo 4 minuti
replica #7  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
Ha dovuto bloccare la falange distale temporaneamente oppure le ha detto che è un blocco definitivo ?

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 15 novembre 2012, dopo 6 minuti
replica #8  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Definitivo a quanto pare...

giovedì 15 novembre 2012, dopo 0 minuti
replica #9  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
L'artodesi è stata fatta con la falange distale in estensione o con 15-20 gradi di flessione ?

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 15 novembre 2012, dopo 2 minuti
modificato dopo 1 minuti
replica #10  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Probabilmente in estensione.

giovedì 15 novembre 2012, dopo 2 minuti
replica #11  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
Il blocco (artrodesi) in estensione la facciamo solo quando è temporanea, ai fini della riparazione del tendine estensone (per detendere al massimo la tenorrafia), mentre se si opta per un intervento di artrodesi definitiva (in caso di artrosi della IFD oppure qualora il tendine non è più utilizzabile), è più opportuno (a mio parere) dare un atteggiamento in lieve flessione della 3a falange, al fine di consentire una presa migliore quando si flettono le dita, anche se è meno bello da vedere con le dita in estensione completa.

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 15 novembre 2012, dopo 5 minuti
replica #12  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 247xxx
Spero vivamente che abbiano scelto di fletterlo lievemente, anche se, da quanto mi ha detto il chirurgo alla visita pre-operatoria, ho capito che avrebbe operato per avere il dito completamente dritto. Tuttavia, alla visita, nessuno mi ha avvertito di queste due possibilità, quindi le chiedo cortesemente: se l'artrodesi fosse in estensione, è possibile dare un'atteggiamento di flessione? Inoltre ricordo che il chirurgo, sempre a questa visita, mi spiegava che avere il dito in flessione e sentirlo arrivare subito al palmo della mano nel momento in cui chiudevo le dita prima di tutte le altre, poteva essere molto fastidioso. Quindi è probabile che sia stata fatta l'artrodesi in estensione.Spero vivamente che non vi sia la necessità di una terza operazione, poichè ho avuto delle complicazioni con il plesso ascellare, dove mi sono stati fatte 13 iniezioni.

Grazie mille per le tempestive risposte

giovedì 15 novembre 2012, dopo 9 minuti
modificato dopo 3 minuti
replica #13  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Giorgio Leccese

Specialista in:
Chirurgia generale

Perfezionato in:
Chirurgia della mano

Esercita a:
TARANTO (TA)
CASSANO DELLE MURGE (BA)
LECCE (LE)
SCANZANO JONICO (MT)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 309
indice medicitalia
Il blocco (artrodesi) in estensione la facciamo solo quando è temporanea, ai fini della riparazione del tendine estensone (per detendere al massimo la tenorrafia), mentre se si opta per un intervento di artrodesi definitiva (in caso di artrosi della IFD oppure qualora il tendine non è più utilizzabile), è più opportuno (a mio parere) dare un atteggiamento in lieve flessione della 3a falange, al fine di consentire una presa migliore quando si flettono le dita, anche se è meno bello da vedere con le dita in estensione completa.

Dr. Giorgio LECCESE
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
giovedì 15 novembre 2012, dopo 1 ore
replica #14  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 
 
 

Consulti simili:

 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,17        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy