Utente 126XXX
Salve. Sono uno ragazzo di 28 anni. Ultimamente ho avvertito un deficit erettile, così mi sono recato da un andrologo presso una azienda ospedaliera pubblica.
La mia 'situazione', credo, consta nel fatto di avere uno scarso 'appetito sessuale', cosicchè le erezioni ne risultano inficiate. A stimoli esterni(fisici) la risposta è lenta e l'erezione che sopraggiunge non è ottimale.
Nella prima visita ho svolto un ecocolor doppler penieno da cui si evince che è tutto ok. Contestualmente mi sono stati prescritti degli esami: testosterone totale e libero, lh, fsh, dht e prolattina; di cui ancora devo avere i risultati.
L'ultima visita risale a fine luglio e siccome in Agosto lo specialista non era disponibile mi sono convinto a rivolgermi a voi per risposte più celeri.
Sotto mia esplicita richiesta, per ovviare al mio problema nel mese suddetto, mi è stato prescritto levitra 5 mg all'occorrenza. Sul mio corpo ho notato che agisce molto efficacemente anche la metà 2,5 mg. L'ho utilizzato circa 8/10 volte...in tutte a funzionato, meno in una in cui avevo 'turbe mentali' circa il problema e sentivo una scarsa se non assente eccitazione.
Posso sperare nella risoluzione del problema senza l'utilizzo di farmaci 'costanti'? Grazie. Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

aspettiamo le valutazioni ormonali ma già dalle indicazioni anamnestiche e cliniche che ci fornisce si può ipotizzare per il suo problema sessuale una causa non organica.

Comunque segua le indicazioni ricevute poi con gli esami ormonali ci ricontatti.

Nell'attesa, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

nel suo caso dovrebbe essere meglio analizzata la capacità del suo sistema veno occlusivo cavernoso di mantenere il sangue all'interno dei corpi cavernosi garantendole una adeguata rigidità e mantenimento.
A distanza è molto difficile esprimere giudizi in merito
cari saluti
[#3] dopo  


dal 2009
In attesa di postare l'esito degli esami...potrei sapere quale è il metodo per verificare la capacità del sistema veno occlusivo cavernoso sopra citato? Grazie.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le consiglio di riconsultare, se non ancora fatto, l’articolo già segnalatole, pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#5] dopo  


dal 2009
Articolo letto. Posso porvi una domanda che credo sia la principale causa del mio disturbo? L'eccitazione o il desiderio sessuale può essere ripristinata in qualche modo? Se la risposta è affermativa...in modo temporaneo o definitivo? P.S. Inutile affermare che dalla comparsa dei suddetti disturbi 'l'appettito sessuale' ne risulta ancora più ridotto!
Grazie.
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

visto il nuovo problema da lei sollevato, se desidera avere più informazioni dettagliate su questo tema, le consiglio di consultare anche un altro articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=76066

Sempre un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#7] dopo  


dal 2009
Grazie...ho preso visione anche di questo articolo.
Al fine di dare maggiori informazioni circa la risoluzione del mio problema, aggiungo le seguenti informazioni:
- fumo circa 20 sigarette al giorno
- non utilizzo alcool
- quando 'sento' l'eccitazione o desiderio sessuale, l'erezione avviene e raggiunge una buona qualità, ma appena la sensazione si attenua la rigidità non è delle migliori.
Valutando questa ultima affermazione e quella precedentemente data (della ottima funzionalità sul mio organismo di 2,5mg di levitra), credo che il mio problema graviti intorno ad una scarsa libido.
Nell'attesa di riportare gli esiti degli esami ringrazio, per le delucidazioni che mi avete offerto.
Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

delle ultime informazioni sulla sua storia clinica che ci fornisce quello che mi sembra più importante da valutare e poi correggere è il fumo di sigaretta; infatti la nicotina è un potente vasocostrittore che può ostacolare una normale risposta sessuale, soprattutto sul fronte "erezione".

Sempre un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com



[#9] dopo  


dal 2009
Salve.
Credo che gli esiti degli esami ormonali riportati di seguito, spieghino la scarsa libido e il relativo deficit erettile. Non sono un medico, ma tenendo conto dei range, mi sembra che i valori siano tutti bassi, addirittura il testosterone libero 'deficitario' (al di sotto della norma), mentre la prolattina ha un valore quasi pari al massimale.
Ecco l'esito degli esami ormonali; tra parentesi i range di riferimento.
FSH 2,1 mIU/ml (1,5 - 12,4)
LH 4,13 mIU/ml (sino a 8,6)
Prolattina 14,35 ng/ml (4,04 - 15,2)
DHT 0,31 ng/ml (0,16 - 2)
Testosterone plasmatico 2,30 ng/ml (2,2 - 11)
Testosterone libero 7,3 pg/ml (8,69 - 54,69)

Oggi contatterò il medico per far vagliare queste analisi...voi cosa consigliereste?
Grazie. Cordiali saluti.
[#10] dopo  


dal 2009
Visita di controllo effettuata. Visti i bassi livelli di testosterone mi ha prescritto andriol cp 40mg, due capsule al giorno (dopo colazione e dopo pranzo). Che ne pensate? Mi farebbe piacere ricevere vostri pareri, sia circa gli esiti delle analisi, che sulla terapia.
Grazie. Cordiali saluti.
[#11] dopo  


dal 2009
Noto la non risposta...strano!Ho posto qualche domanda che crea disagio? Se fosse così mi scuso...
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

non si scusi , nessun "disagio" ma solo "problemi" di natura congressuale e di aggiornamento che non mi hanno permesso di essere sollecito nella risposta.

Comunque , visto quello che ci scrive, segua le corrette indicazioni ricevute dal suo andrologo, sono condivisibili e poi , se lo desidera , ci aggiorni.

Sempre un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#13] dopo  


dal 2009
Pongo due quesiti:
1) Il dosaggio (2 cps al giorno), sulla base dei miei valori, è condivisibile?
2) Quale è il fine di questa terapia, conscio del fatto che questo farmaco (come letto) ha natura temporanea?
Grazie.
Cordiali saluti.
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

lo scopo della terapia indicata è quello di vicariare l'attuale suo deficit di tasso testosteronemico e quindi riequilibrare la sua attuale situazione ormonale.

Sulla precisa diagnosi della causa di questo suo deficit deve chiedere però ulteriori chiarimenti al medico che, valutata in diretta la sua particolare situazione clinica, ha poi impostato questa terapia; se è o no momentanea o temporanea è lui che lo deve dire.

Sempre un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com



[#15] dopo  


dal 2009
Salve. Con oggi sono tre giorni che eseguo la terapia suddetta, ma non riscontro alcun effetto tra quelli indicati nel foglietto illustrativo (in primis quello dell'aumento della libido), ne quelli citati da altri utenti.
Il farmaco si sente a lungo 'raggio' o dovrebbe avere una efficacia istantanea?
Mi consigliate di interpellare il mio andrologo per una modifica sul dosaggio?
Grazie.
Cordiali saluti.
P.S. Sopra sono riportati gli esiti delle mie analisi (prima dell'assunzione del farmaco)...potreste vagliarle? Giusto per avere un parametro di confronto con ciò che mi ha illustrato il mio medico (in cui ripongo la più piena fiducia.
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

tre giorni non sono sufficienti per valutare la terapia che le è stata indicata.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#17] dopo  


dal 2009
Grazie. Attenderò e vi terrò aggiornati.

Cordiali saluti.
[#18] dopo  


dal 2009
Sono trascorsi circa dieci giorni dall'inizio della terapia e non intravedo nessun miglioramento...anzi posso assicurare che la mia libido, anziché aumentare, è scesa! Non riesco a capire...sono entrato in un circolo vizioso che mi fa davvero paura! Pomeriggio consulterò nuovamente il mio andrologo.
[#19] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

riconsulti il suo andrologo e poi si ricordi comunque che in queste situazioni cliniche può essere utile anche l'attenta consulenza e l'intervento di un esperto psicologo.

Un cordiale saluto.
[#20] dopo  


dal 2009
Salve.
Ho consultato il mio andrologo e mi ha detto di portare al termine la terapia di un mese perchè è a 'lungo raggio'...e mi domando: come può essere a lungo raggio se è un farmaco che svanisce i suoi effetti dopo qualche ora? La fiducia sta inizando a vacillare...secondo voi è opportuno consultare un altro andrologo o endocrinologo? Sapreste segnalarmene uno valido nella regione calabria?
Grazie.
[#21] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

se ci sono "dubbi" sul suo andrologo, per la scelta di un nuovo specialista chieda un consiglio al suo medico di fiducia ma anche il nostro sito la può orientare .

Un cordiale saluto.
[#22] dopo  


dal 2009
Confermo quanto detto in precedenza...i giorni trascorrono, ma nessun risultato evidente, anzi...noto un affievolimento-scomparsa delle erezioni notturne.
Da cosa può dipendere?
[#23] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le riconfermo la necesstà di riconsultare in diretta il suo andrologo.

Un cordiale saluto.

[#24] dopo  


dal 2009
Caro Dott. Beretta, l'ho ricontattato ma mi ha nuovamente ribadito che la terapia 'deve' durare un mese.Bohh
[#25] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

io purtroppo, da questa postazione, non posso che confermare le indicazioni che già le ho dato.

Un cordiale saluto.
[#26] dopo  


dal 2009
Egr. dr. Beretta,
rinnovo l'invito a lei o a chi ne ha conoscenza, di segnalarmi un bravo andrologo nella regione calabria.
Credo che il mio problema possa essere risolto, ma ho la necessità di affidarmi ad un medico esperto.
Grazie.
Cordiali saluti.
[#27] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

per la scelta dell'andrologo chieda un consiglio al suo medico di fiducia, anche il nostro sito la può orientare ed eventualmente può consultare pure il sito ufficiale della SIA ( www.andrologiaitaliana.it ).

Un cordiale saluto.
[#28] dopo  


dal 2009
Dr. Beretta,
la ringrazio per il sito segnalatomi e per le altre informazioni che mi ha inviato.
Terrò aggiornato il topic.
Cordiali saluti.
[#29] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

ci aggiorni, se lo desidera.

Un cordiale saluto.
[#30] dopo  


dal 2009
Salve.
Sto valutando attentamente a quale specialista rivolgermi...intendo se un andrologo o un endocrinologo.
Partendo dall'esito positivo di alcune visite (ecodoppler dinamico penieno, ecografia ai testicoli) e dalla ottima risposta, a basso dosaggio, ai farmaci anti pde5, credo che possa escludersi una causa vascolare.
Arrivato a questo punto, credo che la mia disfunzione vada ricercata nei bassi livelli ormonali (sopra riportati). Sulla base di ciò mi consigliate di rivolgermi ad un andrologo o endocrinologo?
Grazie.
Cordiali saluti.
[#31] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

penso e spero che lei abbia gia´un andrologo di riferimnto.

Se cosi´ e´ bisogna sentire da lui un suo primo parere e le eventuali indicazioni terapeutiche Ñ .

Poi, se il suo andrologo capira´ che il problema ha importanti e complessi problemi di endocrinologia generale, sara´ lui stesso ad indicarle il collega a cui dovra´rivolgersi.

Un cordiale saluto.
[#32] dopo  


dal 2009
Sino a poco tempo fa, il mio andrologo era di 'riferimento', ma ora non lo è più. Quindi chiedevo se era più idoneo contattare un nuovo andrologo o endocrinologo.
[#33] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

per questo chieda un parere più diretto al suo medico curante ma anche il nostro sito la può aiutare.

Un cordiale saluto.