Utente 278XXX
Salve, da molti anni mi trascino una quasi costante difficoltà nel completare il rapporto sessuale per il fatto che non riesco a mantenere l'erezione durante la penetrazione.

La mia partner è molto comprensiva su questo, ci conosciamo da oltre 15 anni, abbiamo avuto figli, l'affettività e l'intesa sono ottime, ma ora penso sia arrivato il momento di capire di cosa si tratta.

Vorrei sapere a chi rivolgermi e/o che tipo di esami effettuare, da dove partire insomma, non posso escludere una natura psicologica, ma vorrei prima escludere quella fisica.

Ho una storia clinica lineare, l'unica nota rilevante è un'ulcera duodenale diagnosticata dieci anni fa, curata con omeprazolo e ranitidina, e risolta ormai da 3/4 anni.

Una cosa che mi stona è il fatto che mi sveglio almeno una volta a notte, spesso anche due, ed è sempre presente lo stimolo per urinare, stimolo che mi porta ad alzarmi ed ad espletare l'atto di conseguenza, questo fatto comincia a farmi venire qualche pensiero. Può in qualche modo essere la spia del problema in oggetto o essere l'indizio di qualcosa comunque da approfondire?

Grazie anticipatamente dei vostri utili responsi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
per valutare attentamente la sua situazione clinica potrebbe essere utile consultare un esperto andrologo con buone competenze urologiche anche alla luce dei disturbi allo svuotamento vescicale che lei riferisce alla fine della sua lettera.
Con il collega andrologo , dopo una attenta valutazione clinica diretta , sarà possibile impostare una mirata strategia diagnostica e poi ,capita la causa o le cause dei suoi disturbi, prendere in considerazione la terapia più corretta.
Un cordiale saluto.


Giovanni Beretta.
www.centromedicocerva.it.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Concordo con il collega

Edoardo Pescatori
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore, data la sua giovane età, la invito a non trascurare ulteriormente il problema (che sicuramente avrà in sè anche qualche problema psicogeno) e dunque a rivolgersi presso un ambulatorio di urologia della sua zona, dove il collega urologo che la visiterà saprà certamente inquadrare in modo organico il suo problema e saprà suggerirle cosa fare a riguardo.
Le faccio i miei migliori auguri.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 27848,

il suo caso potrebbe far pensare alla esistenza di qualche problematica vascolare a carico della circolazione del pene.
Potrebbe essere presente una qualche disfunzione veno-occlusiva cavernosa che si rende evidente man mano che passa il tempo e l'afflusso arterioso diventa meno valido ed efficace.
Si faccia vedere da uno specialista andrologo che potrà valutare in maniera corretta la sua situazione vascolare.
la concomitanza di problemi urinari, minzionali, non mi sembrerebbe associabile alle problematiche erettili, ciò nonostante ne parli con il suo medico
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Daniele Bonanno
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
concordo certamente sulla necessità di accertare la presenza di cause organiche attraverso una visita andrologica-urologica.
La situazione descritta potrebbe tuttavia corrispondere ad una causalità prevalentemente psicologica e associabile ad una generale tendenza ansiosa. In effetti anche gli stessi risvegli notturni e il concomitante stimolo ad urinare rientrano spesso in un quadro ansioso.
Se il primo passo resta certamente la valutazione della funzionalità organica potrebbe successivamente essere indicata una consulenza psico-sessuologica per approfondire i possibili fattori psicologici coinvolti.
Un saluto.
Daniele Bonanno
[#6] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
senza dubbio effettuerei inizialmente un'accurata indagine andrologica onde escludere l'esistenza di patologie mediche, e nel caso contatterei uno psicologo per effettuare un approfondimento.

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con il collega Beretta
[#8] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2007
Desideravo ringraziare di cuore. Siete stati tutti molto cortesi e professionali, comincerò con l'indagare le possibili cause fisiche.
[#9] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
COLGO L'OCCASIONE CHE LEI CI DA PER RICORDARE AGLI UTENTI CHE DAL 12 AL 19 MARZO SI SVOLGE LA SETTIMANA GRATUITA DELLA PREVENZIONE ANDROLOGICA DOVE POTETE EFFETTUARE UNA VISITA ANDROLOGICA GRATUITA E CHIARIRE MOLTI DUBBI
POTRETE TROVARE SUI PRINCIPALI QUOTIDIANI O SUL SITO WWW.ANDROLOGIAITALIANA.IT I CENTRI DOVE ANDROLOGI ITALIANI, ISCRITTI ALLA SOCIETA' ITALIANA DI ANDROLOGIA,E CON ESPERIENZA,EFFETTUERANNO VISITE GRATUITE PRENOTANDO IN ANTICIPO AI NUMERI CHE TROVERETE
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi di essere in pieno accordo con quanto sostenuto nelle loro risposte dai Colleghi BONANNO e BULLA.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO