Utente 964XXX
Gentilissimi e cordialissimi dottori ,
Nel ringraziarvi anticipatamente per l'attenzione ,vi porgo il mio dubbio .
io sono un ragazzo di 22 anni , non faccio sport (di fatti effettivamente peso 75 kg e secondo l'indice di peso corporeo sono in leggero sovrappeso),ho una vita abbastanza sedentaria,e ahimè fumo. Durante l'ultima visita medica del lavoro,il dottore mi ha detto che ho la pressione un p'ò alta,sicchè in attesa di recarmi dal mio dottore (che attualmente è influenzato),ho deciso di verificare me stesso la pressione . Premetto che sono sempre un p'ò agitato per qualsiasi cosa .
comunque,facendo una media dei risultati ottenuti, posso dire che a riposo la pressione si aggira intorno ai 137 - 87 . Il problema vero è che ho praticamente sempre i battiti cardiaci intorno ai 80/90 x minuto ( a volte anche 100)e ciò mi preoccupa molto poichè dovrebbero essere nettamente minori . Inoltre ho riscontrato che quando "sono agitato" , o magari faccio uno sforzo , il cuore batte forte ma sempre regolare , mentre a riposo batte regolare ma a volte sembra accelerare 3 o 4 battiti ( ovviamente dico questo poichè ho calcolato il numero di battiti dal polso ).
Aggiungo inoltre che già all'età di 15 anni ove giocavo a calcio , feci la classica visita per l'idonetà sportiva e i dottori mi dissero che avevo qualche problema al cuore . Successivamente feci un ecg e un ecocardiogramma e mi venne detto che era assolutamente tutto a posto .
In conclusione , conoscendo chiaramente che senza una visita o esami,è praticamente impossibile stabilire una diagnosi , vi chiedo solamente se secondo il vostro stimato parere la mia situazione è tanto grave,o no .
Ringraziandovi per l'attenzione vi porgo i miei più cordiali e sentiti saluti .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Caro amico di Biella, due cose sono certe: 1) hai una ipertensione arteriosa che il tuo Medico saprà come curare (c'è anche qualcuno iperteso in famiglia?) 2) continuando a fumare ti produci un danno continuo, e poichè sei anche iperteso, non c'è che una strada: buttare via per sempre il pacchetto di sigarette. E scansare anche il fumo passivo. Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 964XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo dottore,
Innanzitutto grazie per la risposta rapida e concreta alla stesso tempo .
Si effettivamente alcuni componenti della mia famiglia soffrono del mio stesso problema . per la precisione , mio fratello , ha il mio stesso identico problema ( anchegli è iperteso ) e mia nonna ( compreso suo fratello ) prendono ormai "da una vita" la pastiglia per la pressione . Concordo anche sul fatto del fumo che non reca affatto benefici , ma secondo lei smettendo di fumare e seguendo la cura dovuta , la mia pressione ( compresi i battiti ) possono rientrare nella normalità ? e se si,esistono terapie non invadenti ( escludenti l'intervento chirurgico o medicine con effetti collaterali fastidiosi ) ?
Grazie di nuovo per la gentilezza .
[#3] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Eccome, confermo che puoi raggiungere risultati brillantissimi con 1) terapia antiipertensiva continuata (non smettere quando si abbasseranno i valori, solo dovrai aggiustare le dosi dei farmaci come ti dirà il tuo Medico) 2) cessazione totale e assoluta del fumo. Avrai solo benefici. Che c'entra l'intervento chirurgico? Vai avanti e sarai un altro.
[#4] dopo  
Utente 964XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per i suoi preziosi consigli dottore .
Spero che la mia situazione vada migliorando!!
Ringraziandola ( vorrei dire col cuore ma non mi sembra tanto appropriato dato il consulto! ), le porgo i miei più cordiali saluti