Utente 103XXX
Buongiorno, vorrei sapere un consiglio:
nel settembre del 2008, mio zio avendo dolore al braccio si recò al pronto soccorso, dove dopo il consueto ricoverò gli diagnosticarono un'inizio di ictus, dopo i meritati esami tra cui l'ecodoppler gli dissero che aveva la carotide ostruita. Consiglio specialistico: l'intervento chirurgico.
Il rischio di ictus era altissimo avendo la carotide ostruita, quindi gli consigliarono l'intervento chirurgico e gli dissero che dopo l'intervento la probabilità di ictus era bassissima, mentre il giorno successivo all'intervento mio zio ebbe un ictus con paralisi laterale(e difficolta del deglutire e nel parlare). Oggi mio zio sta meglio riesce quasi a camminar da solo grazie alla riabilitazione motoria che sta seguendo sin dall'anno scorso.
Giorni fa, rifacendo l'ecodoppler e la RM gli diagnosticarono la carotide ostruita.
Vorrei sapere ma com'è possibile se l'anno scorso l'hanno operato?
Scusate se nn ho usato termini tecnici.
Vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Massimiliano Zaramella
24% attività
8% attualità
12% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
gentile utente,

mi può specificare se la stenosi carotidea è dallo stessso lato di quello operato, da che parte ha avuto la paralisi dopo il precedente intervento e in quanto percentualmente valutano la stenosi carotidea all'ultima AngioRMN.
aspetto notizie, un cordiale saluto,
massimiliano zaramella