Utente 139XXX
Salve a tutti, sono un ragazzo di 17 anni e piu di 2 mesi fa mi sono fatto intervento di varicocele e fimosi, poi purtroppo dopo 5 giorni ho cominciato a masturbarmi,ma sono andato da un andrologo e mi ha detto che non c'era nessun danno; solo che poi in un altra masturbazione siccome avevo i punti per la fimosi, involontariamente ho eiaculato e allora dato che magari avevo maneggiato forse con troppa violenza ecco che mi è uscito del sangue dai punti.è da quell'evento in poi che ho problemi di erezione,cioè che quando voglio oppure se involontariamnete, non mi avviene l erezione al pene;allora l'androologo mi disse che era un fattore psicologico dovuto al fatto del timore di provare dolore qualora volessi un erezione causato dalla lacerazione per i punti.Ora torniamo a noi, poi tre settimane fa ho provato per un giorno ad applicare quei esercizi di jelquing al mio pene,cosa che poi ho lasciato perdere perchè inutile;il probelema che mi rende perplesso e se facendo questi errcizi dato che gia avevo problemi, ho danneggiato il mio sistema genitale peggiorando le cose; avvolte ho pure tirato troppo forte compromettendone probabilmente la funzionalità per cui sono molto preoccupato.Si tratta a questo punto di danno alle arterie,capillari e vene o di qualcosa a livello vascolare oppure ancora non so.Infatti c'ho dolori che partono dal pene e finiscono nel tesicolo sinistro, puo darsi che sia una vena? concludo dicendo che provo meno piacere rispetto a prima forse per la sensibilità. Grazie per l'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

a questo punto non continui a fantasticare e pensare alle possibili e numerose cause che possono aver scatenato il suo problema sessuale ma diventa fondamentale ora consultare in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.