Utente 142XXX
Salve,

sono un lavoratore di 28 anni, da 9 anni lavoro in una azienda di semiconduttori come operatore in cleanroom a turni. Lavoriamo pressocchè al pc con luce artificiale e a causa del mantenimento rigorso degli ambienti sterili, particolarmente vestiti (abbiamo una tuta, mascherina, guanti, calzari e quant'altro).
I turni sono articolati in modo che facciamo spesso anche 2 notti consecutive di 8 ore ciascuno.

Da 2 anni circa durante la prima notte e per tutta la seconda, avverto quasi sempre tachicardia e viene rilevata un aumento di pressione (solitamente ho la pressione a circa 105 durante l turno notturno a 130 circa). I battiti a riposo durante la notte a lavoro sono a circa 110. Dopo questi fatti ho fatto un ECG dal quale è risultata una valvulopatia mitralica con parziale rottutra delle corde tendinee. Cosa mi consigliate di fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Caro amico di Catania, le consiglio di occuparsi subito della valvola mitralica rivolgendosi a un Cardiologo, perchè si sta verificando una insufficienza che probabilmente è severa. Tutto andrà a posto. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la gentile risposta Dr. Boncompagni. Ho prenotato di recente un nuovo ECG e un holter 24h.
Vorrei sapere da una prima analisi vostra se il io lavoro a turni può compromettere la mia salute visto che sono sottoposto a continui stress psicofisici dovuti anche solo alla turnazione.


Grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Mah, penso proprio che gli sforzi fisici dovrebbero essere assolutamente limitati. Questo finchè la situazione sarà a posto. Inutile sforzare la pompa cardiaca che è in evidente difficoltà.
[#4] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Dopo il 2007, quando cioè ho avuto i primi segnali di tachicardia e mi è stao diagnosticata la valvulopatia mitralica, mi hanno esonerato dal turno notturno per un periodo. Adesso, dopo aver ripreso da circa 1 anno i turni notturni, accuso di nuovo questi fastidi.

Può essere attribuito quindi all'irregolarità delle turnazioni e allo stress psicofisico che questi comportano?
[#5] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Guardi, veda di muoversi, la rottura delle corde tendinee della valola mitrale va affrontata prima possibile.
[#6] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
ho prenotato un ECG per la prossima settimana e il cardiologo mi dirà cosa fare, ma vorre da voi sapere se fare i turni che faccio, con una rotazione molto frequenti e circa 8 notti al mese di 8 ore ciascuno può portare a questi disturbi di tachicardia e aggravare la mia situazione attuale.

Per favoe rispondete
[#7] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Le ho già risposto, mi pare: eviterei sforzi di lavoro che nelle sue condizioni sono da evitare. E vada avanti a correggere la situazione. Non serve l'ECG, serve solo l'opinione del Cardiologo che la visiterà.