Utente 326XXX
Salve,
mi chiamo Luana ed ho vent'anni. Da Febbraio ho un problema che consiste in un'accellerazione del battito cardiaco che, come mi hanno spiegato i medici, non può essere definita tachicardia perchè non supera i limiti di questa. Infatti io ho 96 pulsazioni al minuto. Questo problema mi è comparso proprio da un giorno all'altro ed è costante durante la giornata e talvolta aumento durante le ore serali.
Il mio medico mi ha fatto fare subito gli esami della tiroide i quali, dopo una visita endocrinologa, sono risultati nella norma anche per quanto riguarda la forma della tiroide. Anche gli esami del sangue sono aposto.Il mio medico, che non mi conosce da molto, mi ha voluto far fare una cura con il Lexotan perchè ha sostenuto fosse una sintomologia da ansia. Così ho presa per quindici giorni, due volte al giorno, 10 gocce di Lexotan. Ma il mio disturbo nè è scomparso, tantomeno diminuito.
Ho omesso di dirvi che la prima visita che ho fatto è stata da un cardiologo che mi ha riscontrata questa accellerazione e, in attesa delle visita endocrinologica, mi ha prescritto dei betabloccanti che il mio medico non mi ha fatto prendere.
Ultimamente ho fatto un'altra visita cardiologica in cui il dottore mi ha prescritto di fare come esame l'Holter dinamico che ho già prenotato e che farò il 16 Maggio. Nel frattempo mi sono compari altri sintomi, ovvero dolori persistenti e non muscolari al petto, sotto le ascelle, al seno e in prossimità, per entrambe le parti, del cuore.
Ora sto facendo una cura per lo stomaco perchè con questo ho diversi problemi nel senso che spesso soffro di cattiva digestione ed ultimamente mi è comparso un dolore sotto la costola sinistra. Il mio medico generico, visitandomi, ha trovato rigidità ed aria e mi ha prescritto il Levopraid (partendo da dieci gocce ed aumentando sino a 15 gocce per due volte al giorno prima dei pasti) e due pastigliette di Mylicon dopo i pasti.
A livello di stomaco sto trovando un pò di sollievo anche se non totale.
Voi cosa ne pensate di tutto questo? Sopratutto di questi dolori di cui io non ho mai sofferto e che mi sono coparsi nelle diverse parti (petto, sotto ascelle etc..)? Dovrei secondo voi fare altri esami in attesa dell' Holter. Pervafore aspetto un vostro parere. Per me da quando mi è comparso questo sintomo è un pò un dramma perchè mi sento spesso stanca e non vedo l'ora di buttarmi nel letto tutte le sere mentre prima ciò non mi succedeva.
In attesa di un Vostro riscontro, porgo distinti saluti e ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Paolino Brindicci
24% attività
0% attualità
8% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Signorina Luana, innanzitutto assolutamente d'accordo con il suo medico a non intraprendere terapia con beta-bloccanti!
Dovrei comunque sapere a quali esami ematochimici si è sottoposta , per poter meglio inquadrare la sua eventuale patologia. Credo comunque che il solo sintomo di cardiopalmo non puo' essere definito come predittivo o patognomonico di una patologia della quale possa essere portatrice. Pertanto non credo che si debba allarmare. Dovrebbe essere piu' precisa invece nel descrivere gli esami, il suo peso e la sua altezza, eventualmente farmi sapere il responso dell'holter. NON PRENDA FARMACI DI SUA INIZIATIVA!!! La saluto.
[#2] dopo  
Utente 326XXX

Iscritto dal 2007
Salve Dottore,
inanzitutto La ringrazio vivamente per la Sua risposta.
Per quanto riguarda ciò che voleva sapere, io ho 20 anni sono alta 1.60 e peso 56 kg.
Perdoni immensamente la mia ignoranza, ma non so cosa significa esami ematochimici e quindi non posso per ora fale capire ciò che Lei desidera.
Scusi nuovamente ma cosa significa che "il solo sintomo di cardiopalmo non puo' essere definito come predittivo o patognomonico".
E per quanto riguarda i nuovi sintomi comparsi ( dolori sotto le ascelle, al seno, etc..) posso stare tranquilla?
Sicuramente le farò sapere i risultati dell' Holter che invece del 16-05 farò l'08-05 perchè si sono liberati dei posti.
Non ci penso neanche a prendere farmaci di mia iniziativa. sarebbe sicuramente e solamente una mossa sbagliata perchè io non ho nessuna conoscenza in campo medico.
In attesa di un Suo riscontro, mi scuso nuovamente, le porgo distinti saluti e La ringrazio per la Sua disponibilità.
[#3] dopo  
Prof. Paolino Brindicci
24% attività
0% attualità
8% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Sono io a doverle chiedere scusa.... spesso mi dimentico di aver a che fare con persone non esperte. Comunque mi riferivo ai suoi esami del sangue e relativi risultati. in merito ai suoi "dolori" non ben specificati provi anche a farsi una autopalpazione sotto le ascelle ed al seno per valutare la presenza di eventuali noduli o formazioni che riesce a sentire con le dita. I
sintomi di batticuore che lei sente, spesso sono soltanto sinonimo di crisi ansiose quindi stia per ora tranquilla.
[#4] dopo  
Utente 326XXX

Iscritto dal 2007
Salve dottore,
sono sempre io, quella dell'accellerazione del battito cardiaco!! Lei mi aveva chiesto i risultati dei miei esami del sangue. Il glieli direi volentieri ma non so se, in questo contesto di Internet, è sicuro ai fini della privacy perchè non sono ancora riuscita a capire se questi nostra discussione è aperta a tutti. Se non è così, io glieli scrivo su questo blog; in caso contrario, se per Lei non ci sono problemi e sopratutto se Le fa piacere continuare a darmi un suo consulto, io glieli mandarei ad un suo indirizzo di posta personale. Se per Lei ci sono problemi, non importa assolutamente. Io La ringrazio lo stesso per la sua disponibilità fino ad ora dimostrata nei miei confronti.
Per quanto riguarda i miei dolori invece, Lei deve sapere che, nel cavo ascellare sinistro, ho, come dice l'esame di ecomammografia bilaterale che ho un anno e mezzo fa, " due noduli ipoecogeni probabilmente da riferire a linfonodi iperplasici reattivi di circa 1 cm di diametro". Lo so che Lei è un cardiologo, ma vorrei sapere se per caso ci potesse essere una connessione tra questi linfonodi e il mio problema di accellerazione cardiaca.
Comunque per il 2 Maggio ho prenotato un ulteriore ecomammografia bilaterale di controllo.
In attesa di un suo riscontro, Le porgo distinti saluti e La
ringrazio anticipatamente.

Loprete Luana
[#5] dopo  
Prof. Paolino Brindicci
24% attività
0% attualità
8% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
egregia signorina puo telefonarmi, mi mandi un email a doctorp@libero.it. la saluto cordialmente.