Utente 157XXX
Buonasera,
sono una ragazza di 29 anni, la scorsa settimana ho fatto delle analisi poichè è da un pò di tempo che mi sveglio di notte con dolori alle ginocchia se dormo su un lato, alle caviglie e ai gomiti quando dormo pancia in giù, dolori che scompaiono non appena mi sveglio e che ha detta del medico sono dovuti ad una lassità dei legamenti (diagnosticatami dal dentista).
Dai risultai delle analisi, che ho fatto 3 giorni dopo aver avuto la febbre, è risultato:

Ana titolazione 1/160 - Pattern Nucleo/Citoplasmatico Granul.+Nucleol.
Colesterolo hdl 38 - PCR 21.06 - RBC 6.80 - HGB 11.8 - HCT 37.2 - MCV 54.7 - MCH 17.4 - MCHC 31.7 - RDW-SD 33.9 - RDW-CV 18.2 - IRF 4.9 - MFR 4.5 - LFR 95.1.

L'esame delle urine sembra essere buono.

Tengo a precisare che sono microcitemica. Ma la cosa che mi preoccupa di più sono gli ANA alti, soprattutto perchè mia madre ha il LES. Vorrei sapere se questo è un campanello di allarme e se il fatto che non mi ero ancora ripresa del tutto dalla febbre possa influire sugli esami.

Grazie tante!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno,
la positività degli anti-nucleo (che dovrebbe essere accompagnata almeno dalla caratterizzazione anti-ENA) non spiega automaticamente i Suoi sintomi articolari (che peraltro hanno caratteristiche atipiche): di per sé non è espressione di malattia, dal momento che tali anticorpi possono essere presenti anche in soggetti sani e/o positivizzarsi dopo episodi infettivi (o addirittura in relazione all'assunzione di alcuni farmaci). Per questo motivo devono essere richiesti quando esiste un sospetto specifico.
Considerato il rilievo quasi accidentale ma anche la stretta familiarità per autoimmunità sistemica, potrebbe essere opportuna una valutazione specialistica per valutare la situazione (eventualmente anche con l'ausilio di ulteriori esami).
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott. Marchi,
La ringrazio per la Sua immediata risposta.
In effetti nell'esposizione ho tralasciato che, prima di fare queste analisi per curare la febbre (dovuta secondo il mio medico ad uno stato influenzale), ho assunto per 4 gg circa un'efferalgan da 500 mg la mattina e uno la sera.
La ringrazio ancora, e penso di ripetere le analisi non appena mi sarò ripresa.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Be', in tal caso è assai improbabile trovare un'associazione con il paracetamolo. Mi riferivo a terapie lunghe e con altri farmaci.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2010
Gent. Dott.
non so se questo possa essere un aiuto ma nello scorso anno, essendo affetta da paradontite, mi sono sottoposta ad alcuni interventi per la pulizia delle gengive e anche ad una estrazione dentale, in tutto 7 interventi, assumendo degli antibiotici (augumentin) per sei giorni.
L'ultimo intervento l'ho fatto a gennaio.
Grazie mille per la Sua disponibilità.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Cara signora,
non cerchi di ricondurre tutto necessariamente a farmaci assunti in passato (comunque ritengo ben poco probabile che anche gli antibiotici abbiano avuto un ruolo nella comparsa degli ANA).
La presenza degli autoanticorpi non è una malattia.
Quello che conta è valutare il caso con completezza, per cui la cosa più utile è fare una visita immunologica.
Saluti