Utente 159XXX
Buongiorno,
Spiego in breve il mio problema: io ho 44 anni e sino a un paio di mesi ho avuto dei rapporti sessuali molto soddisfacenti (cambiando spesso la partner), riuscendo ad avere delle erezioni prolungate. Ora da poco più di un mese la mia vita è cambiata, ho un rapporto stabile con una bella donna che mi piace molto, ma fin da subito con lei ho avuto problemi: raggiungo l'erezione fin da subito, e tale rimane, sino alla penetrazione. Dopo qualche minuto perdo erezione e così ogni volta che tento la penetrazione! Ora subisco lo stress da ansia di prestazione e peggiora ogni giorno. Aggiungo che in questo periodo sto vivendo una situazione personale e lavorativa molto pesante. Spero Voi riusciate a drmi qualche consiglio. Grazi dell'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

il suo problema sembra avere una forte componente emotiva psicologica comunque la sua età ci spinge ad indicarle, se mai fatta, una attenta valutazione andrologica.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
il passaggio da situazioni occasionali con connotazioni chiaramente sessuali ad una relazione stabile, caratterizzata da sentimento e coinvolgimento, spesso destabilizza e, danneggia anche la sfera sessuale.
Come saggiamente suggerito dal Dr.Beretta, vada da un andrologo di sua fiducia, per escludere cause organiche associate alla sfera sessuale, quindi consulti un sessuologo clinico, con cui effettuare qualche colloquio di conseling psico-sessuologico, al fine di comprendere le dinamiche che le hanno causato tale disagio e, con cui lavorare con e per la sua sessaulità.
Auguri







www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ora ricevute dalla collega Randone, se desidera poi ancora approfondire ulteriormente queste tematiche, le consiglio proprio la lettura del suo bel libro: "Sessualità: usi e costumi degli italiani sotto le lenzuola" Casa Editrice Kimerik .

Ancora un cordiale saluto.