Utente 105XXX
Egr. Dott.ri
circa 10 mesi fa avevo chiesto delle delle delucidazioni e su vostro consiglio mi sono rivolto ad un andrologo, a seguito della visita era emerso che il trauma coitale aveva provocato delle placche di I.P.P. stabilizzate in sede dorsale estesa,settale al terzo distale e lat. sx del terzo medio. Rec. lieve DE lieve.
Adesso dopo avere ripreso fiducia in me stesso mi sono reso conto che l'erezione non è più la stessa di prima considerando anche che il pene in erezione rimane leggermente ricurvo verso l'alto e che è sicuramente accorciato di 1 o 2 cm., è forse possibile che sia l'età (ho 45 anni) o questa diminuzione è dovuto senz'altro al trauma? esiste per caso qualcosa altro che non sia il cialis per fare tornare la rigidità come prima? oppure è necessario procedere con altre terapie? cordiali saluti a presto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
prima di tutto valuterei se il deficit erettivo è dipndente o meno da Peyronie. Poi farei terapia specifica. E' un po che scrive sull' argomento, in ogni caso cosa le è stao detto dallo specialista?
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
come suggerito dal DR.Cavallini, bisogna effettuare una diagnosi differenziale, capire se il deficit erettivo è correlato alla patologia pregressa , oppure ha altre origini.
In un secondo momento, consulti un sessuologo clinico, con cui effettuare una diagnosi psico-sessuologica, le servirà ad avere ulteriori preziosi elementi e suggerimenti, sulla sua sessualità, difficoltà erettive e qualità della vita intima.
Auguri.



www.valeriarandone.it