Utente 163XXX
Salve, ho 20 anni ed all'età di 16 anni sono rimasto vittima di un incidente stradale riportando una frattura scomposta del condilo sx; mi è stata praticata una condilectomia e da allora ho la classica asimetria facciale (che pochi notano) e qualche lieve fastidio. Anzitutto volevo chiedervi se sono normali delle complicanze all'orecchio interessato dall'intervento dato che dopo circa un anno, quindi nel 2007 sottoponendomi a visita otorinolaringoiatrica è risultata una pressione interna sballata dell'orecchio interessato dall'intervento. Il medico mi consigliava quindi una terapia termale per sordità rinogena che svolgo abitualmente ormai. Ho sempre vissuto una vita normale senza particolari fastidi a parte quellu suddetto ma ogni tanto mi veniva in mente l'ipotesi di volermi sottoporre ad una plastica per la ricostruzione del condilo (condiloplastica?). Ora sto per arruolarmi nelle FFAA e non ho intenzione di dichiarare l'intervento ai medici militari poiche ho paura che sia una causa di esclusione, nell'eventualita di una condiloplastica, quale tipo di intervento mi devo aspettare? quanto tempo è necessario tra degenza pre operatoria e recupero completo? che tipo di complicanze postume possono verificarsi?

Vi ringrazio per il tempo dedicatomi.
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
non è facile stabilire un nesso di causalità tra la Sua sintomatologia e l'intervento chirurgico. Il trattamento termale suggeritoLe è comunque conservativo ed indicato per "sordità rinogena".
Per quanto riguarda la Sua asimmetria, "qualche lieve fastidio" ed indicazioni chirurgiche, è opportuna una valutazione complessiva, occlusale e funzionale, con una documentazione completa (radiologica, TC, RM,...).
Non è detto, infatti, che sia indicata una condiloplastica di fronte ad una sintomatologia minima e ad un'articolazione comunque funzionante. In alcuni casi può essere indicata un'osteotomia mandibolare.
Per quanto riguarda le altre Sue domande ("...quale tipo di intervento mi devo aspettare? quanto tempo è necessario tra degenza pre operatoria e recupero completo? che tipo di complicanze postume possono verificarsi?..."), potrà ottenere una risposta solo dopo una valutazione complessiva.
Cordiali saluti