Utente 126XXX
Gentili dottori,

sono un uomo di trentanove anni e nel settembre 2009, durante una visita medica aziendale, mi veniva diagnosticato un "bigeminismo extrasistolico sopraventricolare". La successiva auscultazione da parte del cardiologo non evidenziava nulla di rilevante, tipo soffi al cuore, ecc. ecc.

Il risultato della medesima visita, risalente al settembre 2008, recitava "bradicardia sinusoidale (avuta da sempre, a quanto io ricordi), ritardo focole destro, morfologia peraltro nei limiti".

A seguito della scoperta di questi fenomeni extrasistolici, il medico di base mi prescriveva i seguenti accertamenti:

- analisi del sangue (potassio plasmatico, calcio plasmatico, t4 libero, tsh): tutti i valori nei limiti

- ecocardiogramma: a posto

- holter: ritmo sinusale con normale conduzione av e iv. Non pause patologiche. Rari battiti prematuri ventricolari isolati. Frequentissimi battiti prematuri sopraventricolari isolati (alcuni bloccati durante le ore notturne) con una breve salva. Non segni di ischemia. Non sintomi in diario.

Da evidenziare che il fenomeno scompare sotto sforzo.

La medesima visita, ripetuta nel settembre 2010, evidenzia sempre la presenza di un bigeminismo sopraventricolare.

Secondo il mio medico di base, non essendo presenti patologie, il caso dovrebbe considerarsi chiuso e potrei fare attività sportiva senza problemi.

Secondo il medico aziendale, invece, sarebbe comunque opportuno essere seguito costantemente da un cardiologo prestando comunque attenzione alla pratica sportiva.

Secondo voi come mi dovrei regolare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le extrasistoli sopraventricolari non destano preoccupazione, specie se sotto sforzo, come lei giustamente sottolinea, tendono a scomparire. Non hanno alcun valore prognostico se sono presenti in un cuore sano (ha un eco normale..). Ovviamwente avra' gia' eseguito il dosaggio degli ormoni tiroidei. Si tranquillizzi. Buona giornata. cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Pensavo che il dosaggio degli ormoni fosse l'esame TSH indicato al primo punto della lista. Non è così?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi il TSH non è un ormone tiroideo ma un ormone prodotto dalla ipofisi. Gli ormoni tiroidei sono fT3 ed fT4. buona serata. Cecchini