Utente 114XXX
salve,

ho 28 anni ed ho un problema da un paio di settimane e vorrei capire cosa potrebbe essere ed a chi dovrei rivolgermi, per evitare perdite di tempo.

come dicevo prima, da un paio di settimane ho notato un indurimento di un nervo, presumo che sia un nervo perchè non mi sembra un vena, sulla parte superiore del pene che si prolunga fino all'inizio del glande. in concomitanza con il termine di quest'ultimo, compare una sorta di piccola bolla.

faccio presente che non ho nessun tipo di dolore, tranne che in fase di rapporti dove sento un forte fastidio che si manifesta specie se premo sopra alla zona interessata.

penso di dovermi ad un andrologo, ma vorrei averne conferma. questa è la prima volta che accade da sempre ed a livello metabolico non ho mai avuto nessun tipo di problemi.

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
vista la giovane età è alquanto difficle che sia un Peyronie, più facimente è una vena, ma a lei non sembra. Direi che è il caso di s4entire un collega dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
io penso che non sia una vena, ma potrei benissimo sbagliarmi....più che altro perchè mi sembra strano che rimanga così indurita per così tanto tempo. quindi mi consiglia una visita da un andrologo?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Se è una vena trombizzata (si chiama malattia di Mondor) ci mette il suo giusto a ricanalizzarsi, per cui non mi stupisce che siano due settimane. Francamente, per stare sul sicuro, meglio sentire un collega, senza ansie, però.
[#4] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
da quello che ci scrive, come già ipotizzava il collega Cavallini, potrebbe trattarsi di una tromobosi della vena superficiale del pene (Sindrome di Mondor). La vena risulta dura al tatto perchè non comprimibile in quanto trombosata. Per la diagnosi è necessario eseguire un ecocolor Doppler penieno.
In alcuni casi si possono idividuare delle cause che hanno determinato la trombosi in altri non si riesce ad identificare alcun fattore responsabile della sintomatologia.
E' utile consultare un andrologo per eseguire una terapia
che aiuta la guarigione.
Ci tenga al corrente
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
mi stavo documentando e non sembra una cosa così "frequente", anzi sembra una patologia rara. comunque mi muoverò subito per fare una visita presso un andrologo, anche perchè mi è sembrato di capire che potrebbe essere un evento che si può ripetere.

grazie per il parere
saluti