Utente 188XXX
Salve a tutti ho 18 anni sono sempre stato un ragazzo sano nella norma ho fatto attivita' sportiva per un paio d'anni (calcio) ma al momento ho smesso perche' sto per iniziare l'universita' , due giorni fa ho effettuato un prelievo , un controllo generale che faccio di solito due volte l'anno. Pochi minuti dopo il prelievo sono svenuto, questa e' la terza volta che svengo ho fatto controlli a riguardo e sono un tipo piuttosto impressionabile infatti dopo il prelievo mi sento sempre molto scombussolato ma sta volta ho perso conoscenza per pochi minuti. In questi giorni successivi a volte ( e soprattuto la sera , dopo cena) ho il battito cardiaco accelerato e il respiro pesante continua per un po ieri ho fatto un giro in macchina dopo preso una camomilla ed e' passato . Subito dopo lo svenimento il giorno stesso ho effettuato l'elettrocardiogramma che non ha rilevato niente di allarmante (un soffietto che gia' ho da quando sono piccolo e che abbiamo controllato tramite ecocardiogramma e non e' nulla di preoccupante) le analisi non hanno rilevato nulla e' tutto nella norma, non avverto dolori particolari o costanti al torace o in altri punti. Tendo a sottolineare che prima dello svenimento non ho mai avvertito certi sintomi ero sano come un pesce. Credo che sia solo uno stato d'ansia dovuto a quell'episodio,ma va avanti da due giorni e inizio a preoccuparmi,credo che anche cercare su internet questi sintomi e identificarli come qualcosa di grave quale ad esempio infarti o problemi cardiaci mi fa essere molto piu' ansioso , elettrocardiogramma e analisi le ho fatte ed e' tutto normale, cosa mi consigliate? fare qualche altro controllo? ...il giorno dello svenimento avevo la pressione bassa e allora la dottoressa mi ha prescritto delle gocce per alzarla che ho preso una volta soltanto. A breve partiro' per Londra e iniziero' a studiare all'universita' , che sia anche questo una causa inconscia della mia ansia? Grazie del vostro tempo spero non sia nulla di grave. Spero di aver dato abbastanza dettagli...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Quello che lei ha presentato e' una crisi vagale tipiuca dei soggetti giovani ed ansiosi. NOn si preoccupi. Cordialita'. cecchini
[#2] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio molto Dr. Maurizio Cecchini per la risposta , vorrei aggiungere che spesso dopo i pasti mi sento appesantito e "rutto" molto non so come definirlo in termini medici.. ma credo questo non cambi la diagnosi , quindi questo episodio di svenimento e' stato la causa di questa crisi vagale..
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
A maggior ragione questo sentirsi appesantito e le eruttazioni fanno proprio parte Dell Oleggini vagale. Si rassereni. Cecchini
[#4] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille dottore , come ultima domanda se non chiedo troppo vorrei sapere se e' possibile avere un infarto senza accorgersene.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Diciamo che a volte si possono avere sintomi sfumati.
[#6] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della risposta mi ha dato una buona spiegazione piuttosto rassicurante, intendevo nel momento in cuisi ha l'infarto e' possibile non accorgersene? credo proprio di no..
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, a 19 anni dovrebbe pensare a ben altro...che non all infarto. Dia retta.
Buona serata. Cecchini
[#8] dopo  
Utente 188XXX

Iscritto dal 2011
cosa intende per ben altro potrei avere qualcos'altro secondo lei?
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Intendevo che a 20 anni si pensa a divertirsi...e non si pensa alle malattie, normalmente. Arrivederci