Utente 670XXX
Gentilissimi Dottori,

mi chiamo Raffaele ho 23 anni e sono di Milano sono cameriere e sto lavorando in Inghilterra in questo momento,vi contatto sperando proprio mi possiate aiutare o almeno me lo auguro.

Non vi sò dire da quanto tempo ma sono sicuro che però si tratta di almeno una decina di giorni che di notte mi sveglio e mi riaddormento e questo capita diverse volte,ma mai con una cadenza precisa e mai un determinato numero di volte. Alla mattina al mio risveglio mi sento stanco, sembra che io sia più stanco di quando sono andato a dormire la sera prima, sembra quasi che non abbia mai dormito.

Vi spiego qualcosa in più affinché le possa essere di aiuto in qualche maniera, l'anno scorso intorno al mese di ottobre '10 improvvisamente sono stato colpito da epistassi che mi ha accompagnato per una settima o più ,al che durante la notte mia mamma preoccupata ha deciso che era meglio dormire con lei, è si è così accorta che durante la notte ho dei movimenti o come delle scariche, io non ve le saprei descrivere in quanto io non mi sono mai accorto di nulla.

Voi saprete benissimo che quindi non dormendo bene la notte, la giornata parte già male e quindi milioni di pensieri mi affliggono, del tipo: che cosa avrò, che cosa non avrò, perché sono così stanco.

Molto spesso questi miei pensieri ed il fatto che comunque non sono riposato, non mi permettono di rimanere concentrato non mi permettono di condurre una vita felice...

Vorrei che voi mi deste un consiglio e che per favore mi aiutaste a risolvere il problema; so benissimo che a distanza è difficile ma vorrei sapere secondo voi cosa dovrei fare e come mi dovrei comportare..

Rimango comunque a vostra disposizione per qualsiasi cosa o chiarimento.

In attesa di una vostra cordialissima risposta vi ringrazio moltissimo e vi auguro buon lavoro


Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

come Lei giustamente ha detto, non è possibile stabilire la natura dei Suoi problemi. Un'ipotesi possibile è che possano ricondursi ad uno stato ansioso o ad una depressione mascherata (l'insonnia e la stanchezza sono i sintomi più frequenti di questa condizione).
Anche le scosse notturne potrebbero essere secondarie a stato ansioso che potrebbe provocare una maggiore eccitabilità neuromuscolare.
Per una diagnosi corretta però faccia prima una visita neurologica e, se esclusi fatti organici, potrebbe consultare uno psichiatra se consigliato dal neurologo.

Cordiali saluti