Utente 190XXX
Salve Professori,
sono un ragazzo di 27 anni e da ottobre circa ho dei problemi a fare sesso con la mia compagna a causa della mancanza di erezione o erezione "molle" del mio pene.
All'inizio non si trattava di una mancanza di eccitazione, in quanto almeno nella fase iniziale del rapporto sessuale avevo la classica e normale erezione, ma nella fase di contatto e penetrazione della mia compagna perdevo di eccitazione e il mio pene diventava molle e piccolo. Pensavo fosse una fase momentanea ma dopo svariati tentavivi, sempre andati a male, ho cominciato a preoccuparmi seriamente. L'ultima volta poi che abbiamo provato, non sono nemmeno riuscito ad avere un'erezione. Voglio sottolineare che riesco a raggiungere l'orgasmo e ad avere l'eiaculazione se la mia compagna me la provoca facendo petting.

A tutto questo si aggiunge uno stato di stanchezza fisica che ultimamente è sempre più forte accompagnata anche ad una caduta di capelli.

Sono seriamente preoccupato perchè non ho mai avuto problemi di questo genere e il continuo pensarci mi sta ossessionando.

Cosa posso fare? A chi posso rivolgermi? Quest'estate sono stato in Egitto, potrebbe essere che abbia contratto un'infezione? Potrebbe essere qlk tumore?
Oppure è solo lo stress dovuto al fatto che da giugno ho cominciato a lavorare e ho cambiato città e orari, anche se contestualmente ho cominciato la convivenza con la mia compagna?

Vi ringrazio per il consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
gentile utente come prima cosa mi preme tranquillizzarla che non penso che si tratti di un tumore, è invece molto più probabile che si tratti di un periodo di stress legato magari ai fattori ambientali che descriveva. le consiglio una visita da un urologo andrologo con annessi dosaggi ormonali.
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Quarto,
la ringrazio per avermi tranquillizzato. Proverò a cercare un urologo andrologo a Roma. Ma lei crede che lo stress possa incidire per così tanto tempo?

Grazie ancora per la sua disponibilità