Utente 102XXX
Mio marito di 54 anni è da qualche tempo sofferente di ipertensione. Circa 3 mesi fa è andato dal cardiologo che gli ha detto che la sua è ipertensione da stress lavorativo.Con il medico di famiglia gli hanno prescritto Quark prima credo da 2,5 mg,poi non ottenendo risultati adeguati da 5 mg.(1 compressa la mattina).La pressione non tende a scendere è sempre su livelli di 85, 90 la minima e 150, 155 la massima. Assume da anni lo xanax da 0,50(1 ogni sera).Premetto che il fratello di mio marito è morto per un infarto all'età di 40 anni, come lo zio materno, anche sua madre ebbe un infarto.Ora il suo medico vorrebbe aggiungere il diuretico. Devo dire che oltretutto mio marito fuma ed ha un po' di colesterolo.E' giusto aggiungere il diuretico senza provare altri farmaci per l'ipertensione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
IL Quark e' a base di ramipril, un ACE inibitore, il cui dosaggio minimo, per avere qualche effetto e' di almeno 10 mg in due somministrazioni (es 5 mattino e 5 alla sera), ma puo' anche essere aumentato, se la funzione renale lo consentisse. E' fondamentale seguire una dieta iposodica (3 gr di sale al di', il che significa sostanzialmente "mangiare sciocco". Qualora nonostante queste variazioni, associate al cammino di almeno un'ora al giorno , i valori pressori fossero ancora elevati puo' essere presa in considerazione l'associazione con altri farmaci. Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Dr. Cecchini la ringrazio infinitamente per la sua celere ed esaustiva risposta