Utente 194XXX
Gentili Dottori, mi sono sottoposto 5 anni fa ad intervento di corporoplastica. Dal post-intervento in poi sono iniziate a nascere delle piccole cisti "sopra" l'uretra. Se ben ricordo la diagnosi urologica a livello della fascia di Buck, nel sottocutaneo. Sono delle cisti che "seguono" la linea dell'uretra. Le ho tolte e ne sono comparse altre 2, molto piccole ma essudanti. Ho tolto anche queste e se non erro se ne sta formando un'altra... Cosa significa? Forse l'infezione/infiammazione è più in profondità della superficie dove io continuo a rimuovere le cisti? Cosa posso fare e a chi rivolgermi? Non ho assunto farmaci nel post-operatorio. Grazie per la Vs. professionalità e disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Non credo proprio che la sua situazione attuale sia da mettere in un qualche rapporto con l'intervento subìto 5 anni orsono.Non si capisce dal suo racconto dove siano esattamente le lesioni anche perchè lei parla di sottocutaneo ma poi dice di averle tolte(come?da solo?)-Credo abbia bisogno di un dermatologo per una diagnosi e una terapia.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
In effetti non è chiara la situazione che ci descrive; sembrerebbe da scartare l'ipotesi di reazione a punti di sutura utilizzati per la corporoplastica sia per il lungo intervallo di tempo che per la sede.
Considererei una valutazione diretta urologica o andrologica, in prima istanza.
[#3] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Gentili Dottori, Vi ringrazio intanto per la Vostra disponibilità e la tempestività delle risposte. Cerco di essere più preciso, riporto di seguito diagnosi dell'Urologo e Medico del Ps.

Urologo
Diagnosi: presenza di 3 cisti sebacee sotto la fascia di buck del pene dolenti. Consigliata terapia con Travocort, da rivalutare per eventuale exeresi chirurgica delle cisti.

Medico ps
E.O.: multiple cisti cute peniena sul rafe mediano, la maggiore pluriulcerata e secernente. Si provvede a plurime incisioni formazioni ascessuali e fuoriuscita materiale purulento. Incisione con drenaggio della cute e del tessuto sottocutaneo.

Credo siano collegate all'intervento (in qualche modo) poichè non ho mai avuto alcune ciste tantomeno in quel punto, sono iniziate a venire solo li e dopo l'intervento.

Cosa mi consigliate? Grazie.