Utente 171XXX
Egregio Dottore,

anno scorso ho iniziato a praticare l' equitazione che mi piace da impazzire. Sono sempre stata delicata ma resisto per amore. A maggio non essendo abituata a sudare all' aria aperta mi sono presa mal di gola e febbriciattola. A settembre pure. Ho avuto l' algia facciale atipica e i nervi sono rimasti deboli (anche se sto bene da 5 anni)e sudando mi sono venute 2 nevralgie. Un raffreddore incredibile e qualche giorno fa per uno sbalzo di temperatura di nuovo problemi alle vie respiratorie (e la seconda nevralgia all' occhio che il mio dottore mi sta curando). Ogni volta devo stare ferma per giorni ma non demordo.
La domanda è: ma perchè il mio fisico non si abitua dopo quasi 10 mesi?
Mi hanno fatta con la pasta frolla? Vedo gente che trotta e galoppa VIOLA in faccia (perchè andare a cavallo è faticoso) e non gli viene MAI niente.
Io pensavo: sarà così nella fase iniziale poi mi irrobustirò. Niente! Sono arrabbiatissima.
Lei cosa ne pensa? Ha un consiglio?
Grazie mille.
[#1] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

Si è risposta da sola: non tutti riescono ad abituarsi alle basse temperature (né a quelle alte se è per questo). Un ruolo può essere giocato dalla tiroide, dagli ormoni sessuali e dalle surrenali ma l'essere umano non si abitua sempre e automaticamente, a meno che non ci basiamo sui fattori evolutivi ma allora parleremmo delle generazioni successive.

Il mio consiglio è quello di soprassedere e coprirsi bene. I vari integratori e preparati per rinforzare le resistenze non hanno la minima prova di efficacia.

Saluti