Utente 171XXX
Gentili dottori,
circa 12 anni fa, a seguito di uno shok dovuto alla scoperta di una brutta malattia a mia sorella, ho iniziato a soffrire di ansia generalizzata. Nel corso degli anni successivi quest'ansia si manifestava di tanto in tanto attraverso stati di confusione, rigidità, agitazione e lievi attacchi di panico per poi risolversi nel giro di poche settimane. Nel 2008, a seguito di un forte periodo di stress, la mia rigidità (soprattutto al tratto cervicale e alle gambe) è aumentata vertiginosamente fino a raggiungere un momento in cui non mi consentiva di svolgere le normali attività stante alla forte agitazione che sentivo costantemente nel petto e alla cervicalgia che mi portava senso di sbandamento. Il prolungarsi di questi sintomi ha innescato inevitabilmente uno stato depressivo (demotivazione e stanchezza fisica). Soffro da molti anni anche di varie dermatiti tra cui psoriasi e una dermatite atopica che mi porta prurito in qualsiasi parte del corpo (maggiormente gambe e schiena) da 16 anni e mi costringe ad assumere una compressa di antistaminico ogni 2/3 giorni dipende dai periodi se non prendo la compressa il pririto diventa sempre più forte fino ad essere insopportabile ma comunque in questi anni non ho mai scoperto la causa perchè mi viene a prescindere da qualsiasi circostanza di tempo luogo o alimentazione. qualcuno mi ha detto che tutte queste dermatiti potrebbero essere psicosomatiche. A questo punto gradirei un consiglio su un rimedio naturale efficace da poter utilizzare. qualcuno mi ha consigliato "NEOVITA" o "AMINORELAX".. cosa ne pensate? premetto di aver assunto degli antidepressivi per circa un anno e mezzo con buoni risultati per l'ansia ma che ho dovuto sospendere perchè stranamente hanno aumentato il mio prurito e fatto sorgere qualche rush cutaneo.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
il suo quadro sintomatologico è piuttosto articolato e non è di recente insorgenza, pertanto non penso che l'assunzione di un integratore autoprescritto risulti vantaggiosa.

Se desidera avvalersi delle medicine non convenzionali, le consiglio di sottoporsi a visita medica presso un esperto in fitoterapia e/o omeopatia perché possa valutare in modo accurato la sua situazione clinica complessiva, stabilire l'eventuale componente psicosomatica - da lei accennata - degli aspetti cutanei e, una volta formulata una diagnosi, prescriverle una terapia efficace.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
ho inteso e la ringrazio ma a parte questo avrei voluto un suo pensiero dei due integratori che le ho indicato circa la loro efficacia e quale secondo lei e' il migliore