Utente 200XXX
sono un utente con un po di problemi che ora si stanno risolvendo, mi sembra il caso di illustrarli prima di fare la domanda da due anni ho problemi di lavoro, poi uno dei miei familiari ha avuto un grave problema di salute un anno fa, io quando i problemi di lavorosoono iniziati ho cominciato ad avere iaculazioni precoci.
per un periodo non riuscivo ad avere nemmeno un'erezione e i corpi cavernosi mi facevano molto male.
Adesso mi vengono erezioni anche forti ma sempre tempi di iaculazione cortissimi, quando vengo o devo fare pipì ho dei grandi bruciori all'uretra. anche il prepuzio è molto sensibile. ho fatto tamponi, urinoculture ma nulla ho avuto la clamidia che ho debellato con tre giri di antibiotico. come posso ridurre la mia sensibilità per avere una vita sessuale normale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Tutti i suoi problemi andrologici sembrano essere legati a cause infiammatorie a livello delle vie uro-seminali.

Solo risolvendo completamente e per bene queste problematiche si potranno vedere miglioramenti anche a livello dei suoi problemi sessuali.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su queste problematiche urologiche ed andrologiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
caro dottore,
ho letto le sue indicazioni, ma potrebbe indicarmi un valido urologo-andrologo a roma al quale potermi rivolgere?

cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non è questa la sede per darle informazioni così particolari e non di interesse generale.

Altre sezioni del nostro sito comunque la possono aiutare a scegliere un esperto andrologo nella sua zona di residenza.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

anche per non perdere tempo ( e soldi) cerchi di effettuare dei tamponi uretrali per germi comuni, clamidia e micoplasma,
effettui una urinocoltura e spermiocoltura con antibiogramma e con tutte le risposte si faccia vedere da uno specialista.
A roma non le sarà difficile
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il mio consiglio rimane sempre quello di sentire prima in diretta un esperto andrologo, valutare con lui quale è il suo reale problema clinico e poi sentire da lui le eventuali indicazioni diagnostiche, se ce ne sono, e poi seguire le sue indicazioni terapeutiche.

E' questo, secondo me il modo migliore, per affrontare il suo problema, senza perdere tempo prezioso.

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
hofatto tutte le analisi:
tampone Uretrale: Haumophilus parainfluenzae Ceppo1
tmpone Anale: Staphylococcus aureus Ceppo 1

Urinocultura: Negativo per i germi comuni
Antibiogramma su urinocultura: negativo
Liquido spermati ricerca germi comuni: Enterococcus faecalis gruppo D

che significano questi ceppi e ruppi
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' stata indicata una carica batterica ed un antibiogramma sul tampone uretrale, anale e liquido seminale?
[#8] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
per il liquido spermati nonmiè stato richiesto di fare l'antibiogramma e quindi solo per germi comuni
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se non c'è alcuna indicazione significa che sono stati considerati come microrganismi non patogeni.