Utente 202XXX
Salve!
Sono una ragazza di diciotto anni,il 20 settembre 2010 ho subito a causa di un incidente domestico l'amputazione di metà della prima falange dell'indice della mano destra...A distanza di mesi la ferita si è completamente rimarginata anche se esteticamente è ben visibile la perdita della mezza falange e dell'unghia. Purtroppo la situazione è stata abbastanza traumatica e non è semplice convivere con un difetto del genere, non mi riferisco solo all'estetica ma anche al ricordo di tale esperienza e dolore che provo ogni volta che volto lo sguardo verso la mia mano e a tutti i complessi psicologici che si son venuti purtroppo a creare. Dopo pochi mesi dall'incidente, verso Natale, sono andata in un policlinico della chirurgia della mano e mi sono informata dopo un'adeguata visita delle possibilità di ricostruzione, restandone soddisfatta. Mi è stato parlato di protesi, ma dato i costi e la durata di quest'ultime ho subito abbandonato l'idea, anche perché preferirei nel limite del possibile cercare di rimediare a questo problema agendo direttamente sulla mano e non usando una protesi. Delle varie soluzioni preferirei la ricostruzione dell'osso che mi è stata detta fattibilissima per quanto riguarda il mio dito, amputato di un centimetro e mezzo circa. Volevo chiedere per favore un consulto,consigli, pro e contro, dato che questo sito mi sembra seguito da medici competenti, schietti e disponibili. Ringrazio in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

la protesi serve solo per il risvolto estetico e psicologico, soprattutto per una giovane donna come lei e in particolare quando si trova in compagnia di altre persone.

Ovviamente, l'importanza che ciascuno di noi attribuisce a una menomazione fisica, sia pur minimale, è estremamente soggettiva.

Il rimodellamento chirurgico della terza falange (non è la prima) può essere fatto, ma è impossibile ricostruire l'unghia: ha però il vantaggio di lasciare l'estremità del dito sensibile e quindi cura più il lato funzionache che quello estetico.

Cordiali saluti.