Utente 172XXX
Buona giornata,

in conseguenza di una colecistite acuta, quasi tutti i valori ematici sono andati fuori range, il valore più preso di mira dal medico di famiglia è stato il potassio 6.40 in gennaio e 5.53 mmol/L su 3.50/5.10, in febbraio, cosi ho consultato un ematologo e dietro consiglio dello stesso, un nefrologo che a sua volta mi consiglia una scintigrafia renale che mi vede collacato nella posizione 2 VFG.
Essendo portatore di cardiomiopatia/ ipertrofia ventricolo sinistro EF 44% e leggera ipertensione arteriosa nonchè un discreto innalzamento dell'acido urico, le medicine di routine da anni sono: 5 mg Enapren giorno, lasitone i cp giorno, zyloric 300 mg giorno, cura azzeccata tutto sotto controllo anzi forse un leggero miglioramento del cuore.
Torno al nefrologo, che dati alla mano ed una accurata visita rileva un leggero gonfiore alle gambe e al piede sinistro, il che fa decidere per una modifica della cura di routine, cioè: enapren 5 mg mattino due lasix da 25 mg cad sempre al mattino, zyloric alle 13, aldactone 25 mg e lasix 25 mg alle 16.
Effettivamnete il gonfiore è sparito, indi dopo un ultriore visita, viene calato di 25 mg il lasix del mattino.
Fianlmente la domanda che mi cruccia, alla quale nonostante le mie rimostranze non sembra sia data troppa importanza, probabilmente soni io che ne do troppa: morale non sarà poco lo spironolattone che assumo per la mia ipertrofia, che fino ad ora ha portato buoni benefici?
cioè in pratica: 25 mg giorno dell'aldactone, al posto dei 37 mg che facevano parte della routine non saranno pochi?
il lasitone come ben sapete oltre al lasix contiene 37mg di spironolattone, l'aldactone 25 mg di spironolattone.
Certamante sono di fronte alla solita scelta del meno peggio, dal momento che si vuole abbassare il potassio, ma che ne dice poi il mio cuore?
in fondo un valore di 5.53 mmol/L è cosi elevato da giustificare tale cura?

Ringrazio.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
la scelta terapeutica dei colleghi mi sembra più che giusta,stia tranquillo
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2006
Anche se è difficile scordarsene completamente, con la risposta "...più che giusta" mi solleva non poco, cercherò di farmene una ragione, cercherò di non pensarci più.

La ringrazio, saluti.