Utente 205XXX
Buongiorno a tutti,

circa un anno fa mi sono fratturato il V metacarpo della mano destra. Ho fatto le lastre e in seguito l'ortopedico mi ha detto che o mi operavo subito o avrebbe provato a sistemare manualmente con trazione il metacarpo. La frattura era scomposta con frammenti. Ho scelto comunque di provare a non operarmi. Mi hanno fatto la trazione e l'ingessatura e poi una lastra di controllo.
Tolto il gesso e fatti tutti i controlli durante l'ingessatura e dopo mi ritrovo con il V dito un po' ruotato e quando chiudo la mano mi sbatte sull'anulare. I medici mi avevano detto che cosa mi fregava se era un po' storto.
Sento proprio la testa del metacarpo spostata verso il IV e ancora non mi sono abituato a vedere il dito ruotato. Il dito è mezzo centimetro più corto di quello dell'altra mano.
Ormai il callo osseo s'è da un pezzo.
Vorrei chiedere se è meglio fare una visita specialistica di chirurgia della mano per valutare quanto è storto e se operarmi in un buon centro, o se anche i minimi rischi di una operazione sconsigliano per il mio caso un intervento.
Cioè se ormai che è tutto ricomposto l'operazione comporti qualche rischio o se è una operazione quasi di routine con rischi bassissimi.
Non vorrei che a lungo andare, mettiamo avessi problemi di artrosi, la situazione peggiori.
Inoltre ho una grassa ciste sulla stessa mano che potrei farmi togliere contemporaneamente.

Grazie a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non è assolutamente possibile decidere a distanza cosa deve fare. Bisogna che lo specialista veda la mano e la valuti e veda anche le rx. Solo a quel punto potrà decidere se e come intervenire e Lei potrà decidere se affrontare o no un intervento. Le ricordo che qualsiasi intervento presenta potenziali rischi, anche quelle cosiddette "di routine". La invito a leggere l'articolo di un nostro Collega che può chiarirLe il concetto http://www.luciopiscitelli.beepworld.it/unsemplice.htm
Consulti un ortopedico esperto in patologie della mano: può trovare qui http://www.sicm.it/soci_ita.html gli specialisti della Sua provincia (anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società) e le strutture pubbliche nelle quali lavorano.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Grazie tante per la risposta, andrò dallo specialista. Mi avevano visitato degli ortopedici, non uno specialista della mano.
Sono perfettamente d'accordo con l'articolo, mi sono espresso male, volevo dire se rispetto a tutte le operazioni di questo tipo che vengono fatte sono rarissimi i casi in cui i pazienti subiscono danni, questo mi tranquillizzerebbe nell'eventuale decisione di sottopormi ad intervento.
So che non è uno scherzo poichè c'è una anestesia, delle ossa da rompere, in un punto delicatissimo come la mano in cui un danno sarebbe invalidante per tutta la vita, è per questo che sono preoccupato e mi sto informando. Sa dirmi se sono buoni i reparti di Chirurgia della Mano degli ospedali pubblici di Perugia o di Terni?

Grazie tante.
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Con il link che Le ho dato può vedere le strutture pubbliche di entrambe le città.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille.

Saluti.