Utente 199XXX
Ho 35 anni e da quando ho avuto il mio primo rapporto ho sempre sofferto di eiaculazione precoce.Dopo alcuni consulti con un paio di urologi seguiti dalla somministazione di un antidepressivo, il quale si ha migliorato i rapporti, la situazione dopo la sua eliminazione e rimasta la stessa.Da un pò ti tempo la situazione e però peggiorata con l' aggiungersi di una erezione debole che mi fa scendere dopo un rapporto con la mia partner nello sconforto.Come altro sintomo se può essere utile ho uno stimolo di urinare anche dopo averlo fatto e lo ho da molto tempo.Sicuri di una vostra risposta cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
accade che il deficit erettivo possa essere secondario ad eiaculazione precoce sulla base di meccanismi ansiosi. Nel suo caso rafforzata dal fatto che la precedente eiaculazione precoce potrebbe benissimo esser su base ansiosa, visto il successo di quella terapia farmacologica.
Ora se questo è un probabile motivo, non possono essere scartati altre cause organiche: cirecolatorie, ormonali, prostaiche, neurologiche. pertanto consulti un collega dal vivo e veda quello che le dice. Che di qua diagnosi e terapie sono impervie.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio molto della vostra attenzione e nella velocita della risposta.Io ho consultato due dottori con varie visite impegnative sia a livello di tempo che economico con dei risultati scadenti quindi sinceramente non so a chi mi posso rivolgere dato che non conosco nessuno nella mia zona e ho paura di perdere tempo e denaro senza avere dei risultati.Grazie di nuovo dell'attenzione e grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Consulti il ns indirizzario ovvero quello della società italiana di andrologia, ovvero chieda consiglio al medico di famiglia. Poi magari faccia in mnaiera di dire che ha scritto qua a Medicitalia, che, senza falsa modestia, possiamo dire la nostra, e teneri proprio non siamo. Le suggerisco in ogni caso di chiedere una diagnosi direttamente al collega, magari dicendo: su che base è il mio deficit erettile?
[#4] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Tante grazie di nuovo.