Utente 132XXX
Buongiorno,
mio padre a seguito di un intervento di sostituzione di due valvole cardiache deve assumere il coumadin E' cinque giorni che completamente immobile a letto per colpa di una fortissima sciatalgia che non gli permette nemmeno di stare in piedi per andare in bagno. Parlando con la cardiolga che lo ha in cura ha detto che in casi estremi può prendere qualche puntura di voltaren per provare a fare passare leggermente l'infiammazione ma per periodi molto. Domani mattina viene un infermiera ad effettuare il prelievo che normalmente fa in ospedale (ogni 10 giorni) tenere sotto controllo la coagulazione, l'idea era di farsi fare il voltaren per tre giorni e ricontrollare gli esami per il coumadin venerdi. Non ho potuto parlare con la cardiologa personalmente e vorrei chiedere qualche delucidazione considerato che so che il voltaren in questi casi è sconigliato.
Assumere voltaren per un periodo breve può provocare problemi o emorragie?
Nel caso si intendesse assumerlo visto che il dolore e l'infiammazione non passano nemmeno con l'immobilizzazione a letto e farmaci più blandi che tipo di preacuzioni dovremmo prendere?
Nel caso in questi giorni i valori di coagualzione del sangue non abbiano variazioni è possibile stare più tranquilli?
Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi in genere i FANS sono sconsigliati, in quanto elevano i valori di INR, inoltre la via intramuscolare va assolutamente evitata dal momento che facilita la comparsa di ematomi glutei che possono avere anche complicanze.
È preferibile perfino la via endovenosa a quella intramuscolare.
Tra gli antidolorifici consentiti ai pazienti con Coumadin ci sono il ' indobufene,la bistrattata ma efficace Tachipirina ( paracetamolo) la Novalgina ed anche il buon vecchio cortisone, purché per bocca o endovena, e la maneggevole morfina.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Quindi pensa che la sua cardiologa abbia preso con leggerezza la questione?
Ho difficoltà a sapere come comportarmi, mio padre dice che il dolore con 5 giorni di brufen (?) e mezza pasticca di cortisono non è praticamente cambiato.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non penso che nessuno abbia preso con leggerezza alcunche'.
Con molta probabilita' se il dolore sciatalgico stenta a recdere con la terapia eseguita sara' da indagare che non ci sia un problema di ernia discale.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org