Utente 528XXX
Salve,
sono una ragazza di 26 anni che da un anno e mezzo vive una situazione di salute disastrosa.
I miei sintomi sono: dolore neuropatico ( nevralgia , calore bruciante, formicolii, scosse elettriche ) nella zona del pudendo soprattutto al clitoride e di riflesso anche al perineo all'ano e al retto, sensazione costante di eccitazione molto dolorosa in assenza di desiderio sessuale; contratture in tutta l' area genitale e di conseguenza difficoltà di minzione.

Ho consultato tantissimi medici e ho effetttuato un' infinità di esami sia in Italia che all' estero tra cui:
- un' elettromiografia che ha evidenziato un rallentamento bilaterale delle conduzioni nervose dei nervi pudendi,
- PES sacrale che é risultato alterato per aumento di latenza della risposta corticale,
- una RM lombosacrale che ha messo in evidenza soltato una minima protusione a livello L4-L5, L5-S1,
- un ecodoppler pelvico che ha mostrato segni di compressione dei vasi pudendi predominante a destra,
- una manometria ano-rettale che ha evidenziato un tono anale basale modestamente aumentato,
- una uroflussometria che ha messo in evidenza una minzione di tipo intermittente,
- un' esame urodinamico che ha messo in evidenza una vescica con note di iperattività,
due cistoscopie, diverse ecografie pelviche e una tac in cui tutto é risultato nella norma.
Avendo letto del priapismo, quello che voglio chiedere é :
- se nel mio caso potrebbe trattarsi proprio di questo, visto che avverto una sensazione costante di eccitazione dolorosa e che la mia nevralgia é concentrata soprattutto al clitoride
- se é possibile un priapismo clitorideo, quindi nella donna come nell' uomo
- se un priapismo può manifestarsi con un rallentamento della conduzione del nervo pudendo e quindi se può causare, se non trattato, una neuropatia pudendale
- se mi consigliate di eseguire un' esame dei corpi cavernosi, e se é si quale ( Angio RM, angiografia, etc...).
Mi sono rivolta a diversi medici esplicitando la mia volontà di eseguire un' esame dei corpi cavernosi, ma essi sono rimasti perplessi di fronte alla possibilità di eseguire un tale esame nella donna.

I farmaci che attualmente assumo sono:
GABAPENTIN 1700 mg die
LAROXYL 25 mg die
XATRAL 10 mg die
LANSOPRAZOLO 15 mg die
ALANERV
periodicamente DOBETIN 5000
e quando il dolore diventa insopportabile utilizzo anche il CONTRAMAL gocce.

Vi ringrazio per le delucidazioni che vorrete darmi.
Aiutatemi per favore!!!
[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Cara signora la sua situazione è estremamente impegnativa e merita una attenzione particolare che le può essere riservata solo in ambiente ultraspecialistico, servendosi cioè di consulenti neurologi e urologi.
Inutile aggiungere altro su questo forum se non dirle che l'iter da lei finora seguito è assolutamente corretto. Un mio commento personale potrebbe servirle soltanto a mero scopo di conforto.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#2] dopo  
Utente 528XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dottore, la ringrazio per la sua celere risposta.
So benissimo che la mia é una situazione molto complicata.
Ha ragione ad affermare che la mia condizione può essere affrontata soltanto in ambiente ultraspecialistico, ma io sinceramente non so come muovermi; lei potrebbe eventualmente consigliarmi un centro altamente specializzato a cui rivolgermi?
Glielo chiedo perché sono davvero disperata, ogni giorno devo convivere con una nevralgia pazzesca.
Sarò ripetitiva ma ciò che mi preme sapere é se é possibile un priapismo femminile. Infatti il mio dubbio é che all' origine del mio malessere ci sia non un problema esclusivamente neuropatico
( neuropatia del pudendo ) ma un problema neurovascolare, cioè che qualcosa non funzioni a livello vascolare nei corpi cavernosi. Se potessi fare un esame specifico degli stessi magari potrei trovare la chiave di lettura al mio problema e di conseguenza una soluzione.
Vi prego, aiutatemi e consigliatemi.
E' una richiesta disperata
Grazie infinitamente!