Utente 131XXX
Salve ho 39 anni e sono da anni in cura per ansia, panico e sintomi depressivi da 2 anni e mezzo peggiorati. Attualmente prendo zoloft, anafranil e sereupin ma con modesti risultati. Per questo ho scelto di affiancare una cura omeopatica che l'omeopata mi assicura non interferisce con quella dello psichiatra. Sto assumendo su prescrizione dell'omeopata ignatia homaccord gocce 15 gocce 2 volte al giorno. A distanza di un mese dopo la prima settimana che mi sembrava di aver avuto un leggero miglioramento non posso dire che la cura stia avendo un effetto positivo. A me sembra che tutti i sintomi siano rimasti, e con la stessa intensità. L'omeopata dice che devo guardare in prospettiva di almeo 2 mesi di cura e non ne vuol saperne di modificare la terapia. Secondo voi ha un senso che io continui a farla, posso davvero sperare che questo tipo di cura possa darmi dei benefici?
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
la prescrizione omeopatica/omotossicologica è sostanzialmente corretta in termini generici. La cura potrebbe essere ulteriormente integrata, ma un periodo di due mesi di osservazione è opportuno.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore mi è stato aggiunto all'ignatia hommaccord un integratore o come l'ha chiamato l'omeopata, un rimedio ayurvedico, il mentabi. Dopo averlo usato per 15 gg (una confezione) ho avuto dei problemi allo stomaco, aria gonfiore e dolore. Volevo sapere se questi sintomi potrebbero essere colllegati al mentabi, o se talvolta l'uso di questo tipo di integratore possa dare infiammazione o disturbi gastrici. Oppure sono solo sintomi estemporanei non collegati al rimedio. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
il prodotto citato non risulta avere effetti collaterali indesiderati del tipo descritto, tuttavia è possibile una risposta individuale anomala. Pertanto è preferibile sospendere la somministrazione e avvisare il medico che ha effettuato la prescrizione.
Cordiali saluti.