Utente 169XXX
Preg. mi Dottori,
ho 34 anni, e da un mese circa - per la prima volta - sono "vittima" di quelle che reputo essere extrasistoli...
In buona sostanza, percepisco una episodica "interruzione" della pulsazione, che peraltro si manifesta nettamente quando mi "sento" il polso. Il ritmo del battito si interrompe per la durata di una pulsazione, e poi riprende.

Inizialmente, si trattava di fenomeni così rari da lasciarmi indifferente. Ma, da un paio di giorni, la sintomatologia si è intensificata. In certi momenti della giornata odierna, ho avuto diverse "percezioni" di interruzione del battito nell'arco di un minuto, e questa sera tale sgradevole percezione non accenna a scomparire.
La percezione soggettiva è quella di una specie di "scossa" che arriva fino in gola. E di spossatezza complessiva.

E' certamente un periodo - di suo - di particolare stanchezza e stress, soprattutto a causa delle costanti tensioni lavorative.
Noto anche - non so se può essere rilevante - che ho alle volte il singhiozzo dopo aver mangiato (cosa, anche questa, non frequente per me). Che ci sia un po' di gastrite a "metterci lo zampino"?

Ringrazio tutti coloro che vorranno regalarmi i loro preziosi consigli (e magari, se possibile, tranquillizzarmi un po'....non nascondo che stasera il "fenomeno" mi sta preoccupando e infastidendo non poco).

Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
lei sembra aver fatta già una buona autodiagnosi, in quanto per come i suoi sintomi sono riferiti, le probabili extrasistoli sembrerebbero esser secondarie ad una cattiva o lenta digestionbe, forse dovuta ad una infiammazione gastrica. Ne parli con il curante, per l'eventuale necessità di una terapia protettiva gastrica.
Saluti