Utente 249XXX
Premessa: Sono stato visitato da un andrologo meno di un mese fa e non è stata rilevata alcuna anomalia (ad eccezione di un lieve varicocele di primo grado), ma dato che ho ancora qualche dubbio, vorrei rubare un po' di attenzione anche a voi. Mi scuso per la domanda ripetitiva, so che ce ne sono parecchie simili.
Sono un ragazzo di 18 anni e ho scoperto per la prima volta tutto il glande solo dopo questa recente visita, in quanto non avevo mai pensato di tirare indietro così tanto il prepuzio fino ad ora. L' andrologo mi ha solo riferito che poteva immaginare avessi il frenulo teso durante un' erezione, mi ha quindi consigliato una "ginnastica prepuziale giornaliera accompagnata a lavaggio con acqua e bicarbonato", consiglio che sto seguendo e devo dire che ho fatto passi avanti in quanto inizialmente il prepuzio si scopriva solo fino a poco sotto il glande e ora tranquillamente fino alla giuntura con il pene. NON HO ANCORA AVUTO UN RAPPORTO SESSUALE COMPLETO, e la mia paura è una rottura del frenulo, poichè durante l' erezione il glande è scoperto, ma il prepuzio è bloccato dallo scorrere ulteriormente come quando non è in erezione fino alla fine dal frenulo. Pensate che continuando questa "ginnastica prepuziale" possa fare ancora qualche progresso, se necessario, o che sia il caso di pensare alla frenulotomia? Mi scuso per il romanzo, ma ci tenevo ad essere preciso; ringrazio tutti per il tempo e l' attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

in realtà è impossibile prevedere il beneficio della ginnastica sul frenulo, anche perhè in erezione la tensione elastica è importante, oltre poi quello che puo succedere durante l'atto penetrativo.

in realtà non c'è motivo di pensare che sia un frenulo che predispone alla lacerazione.

non si preoccupi per un dato che non c'è adesso.

cordialità