Utente 265XXX
Salve vorrei delucidazioni in merito alla mia situazione che alquanto mi dicono sia grave.
Sono un soggetto dializzato da ormai più di 7 anni (3 volte a settimana) dopo il normale controllo di routine mensile mi hanno riscontrato, cito referto: Cardiopatia valvolare. Stenosi aortica severa. Ectasia del tratto tubolare dell'aorta con moderata disfunzione contrattile del ventricolo sinistro.
La mia domanda è: necessario intervento chirurgico con sostituzione valvola aortica e possibile sostituzione anche di quella mitrale?? sono così messo male?
Non ho mai accusato alcun sintomo è normale?
Mi hanno fissato l'intervento per la prossima settimana dicendomi che è doveroso effettuarlo il prima possibile.
Considerando la mia situazione generale con che probabilità potrei superare l'intervento in maniera indenne??
Spero di essere stato chiaro e che qualcuno possa darmi qualche risposta
Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
La presenza di stenosi aortica severa, in presenza di sintomi e/o disfunzione ventricolare sx, comporta la necessità di intervenire chirurgicamente per sostituire la valvola, in quanto i rischi legati all'intervento sono inferiori ai rischi connessi alla storia naturale della malattia. Nel suo caso è consigliabile l'impianto di una protesi meccanica in quanto la bioprotesi nei soggetti dializzati va incontro ad una degenerazione precoce.
Riguardo la valvola mitralica, se è affetta da insufficienza moderata o severa, sarebbe opportuno correggere il vizio attraverso un intervento di riparazione valvolare (ovviamente nella stessa seduta operatoria).
Cordiali saluti