Login | Registrati | Recupera password
0/0

Rischi lagati alla tac

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008

    Rischi lagati alla tac

    Gentili dottori,
    vi scrivo in quanto vorrei alcuni chiarimenti riguardanti i rischi da esposizione alle radiazioni ionizzanti. Tra pochi giorni dovrò fare una TAC encefalo che mi è stata prescritta dal mio medico per delle emicranee ricorrenti e per anisocoria. Il mio dubbio è di poter oltrepassare la soglia massima di radiazioni visto che da novembre ad oggi ho già fatto tre radiografie (due al torace e una cervicale) per altri controlli. Il mio timore è fondato oppure posso tranquillamente fare l'esame senza alcun rischio? In effetti io avrei preferito fare direttamente una risonanza che sarebbe risultata innocua e più precisa ma il mio dottore non l'ha ritenuto opportuno.

    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta
    Cordiali Saluti



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 39 Medico specialista in: Radiologia

    Risponde dal
    2005
    Gentile utente
    dopo avere stabilito con certezza che questa anisocoria non è presente sin dalla nascita (e che quindi non ha significato patologico), è necessario eseguire accertamenti clicnico-radiologici, in particolare per eslcudere patologie che determinino compromissione del III nervo cranico.
    Per ovvi motivi non sono possibili valutazioni precise "a distanza" sul suo caso specifico, ma in linea generale, in una situazine di questo tipo, l'esame indicato è la RM con mdc
    Cordialità Paolo Diotallevi


    Cordialità
    Paolo Diotallevi

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 11 Medico specialista in: Radiologia

    Risponde dal
    2008
    Gentile Utente

    In base al quesito clinico è più indicata l'indagine di Risonanza Magnetica, per altro priva di potenziali rischi da radiazioni ionizzanti.
    Cordiali saluti


    Dott. Fabio Fanfani
    Spec. in Radiodiagnostica

  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Gentili dottori,
    vi ringrazio per le risposte che vanno a confermare quello che era il mio pensiero. Ahimè nel frattempo ho già fatto la TAC (ma non dispongo ancora del referto). Vorrei sapere se in questo caso, come già dicevo nel primo intervento, una TAC cerebrale sommata a tre radiografie nell'arco di sei mesi costituisca una dose troppo elevata di radiazioni ionizzanti.
    Grazie
    Cordiali saluti



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 39 Medico specialista in: Radiologia

    Risponde dal
    2005
    Gli esami da lei eseguiti dovrebbero avere erogato nel complesso una dose accettabilissima (tot. circa 0,5 mSv) in un lasso di tempo sufficientemente ampio.
    Cordialità P Diotallevi


    Cordialità
    Paolo Diotallevi

  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 11 Medico specialista in: Radiologia

    Risponde dal
    2008
    Gentile utente,
    gli esami radiologici da lei effettuati nell'arco di sei mesi non rappresentano a grandi linee una eccessiva dose assorbita.
    Con le più recenti apparecchiature radiologiche, definite digitali, la dose assorbita è ridotta.
    Sarebbe buona norma, in genere, consultare un radiologo per scegliere l'indagine più appropriata e meno invasiva.


    Dott. Fabio Fanfani
    Spec. in Radiodiagnostica

  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Vi ringrazio per aver risposto così velocemente al mio quesito, nonappena avrò disponibile il referto della TAC ve lo sottoporrò, se gentilmente vorrete commentarlo. Un'ultima curiosità: a quanti mSv corrisponde una TAC spirale?

    Grazie mille
    Cordialmente



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 11 Medico specialista in: Radiologia

    Risponde dal
    2008
    La dose assorbita di un'esame TAC oscilla fra gli 1 ed i 9 mSv circa. Per es. la dose di uno studio del cranio e' di circa 1,5-2 mSv.. Le dosi piu' alte sono quelle per lo studio degli organi parenchimali addominali.


    Dott. Fabio Fanfani
    Spec. in Radiodiagnostica

  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Ok, la ringrazio molto dr. Fanfani. Domani ritirerò il referto della TAC e glielo sottoporrò.
    Cordialmente




  10. #10
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Gentili dottori,
    vi riporto il referto della TC cranio:
    L'esame del cranio è stato eseguito senza perfusione di mezzo di contrasto
    e.v.
    Assenza di aree di alterata densità a carico del tessuto encefalico.
    Asimmetria dei corni temporali dei ventricoli laterali per prevalenza del destro;
    3° e 4° ventricolo regolari e sulla linea mediana.
    Spazi subaracnoidei pericerebrali e pericerebellari normali.
    Gradirei vostri commenti.
    Grazie



Discussioni Simili

  1. Cortisone per tac
    in Radiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15/04/2008, 22:18
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28/06/2008, 13:42
  3. Una tac dei seni nasali
    in Radiologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23/07/2008, 19:57
  4. Eccessive tac al cranio
    in Radiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18/11/2008, 14:09
  5. Un tac dellacolonna
    in Radiologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22/01/2009, 14:23
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,13        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896