Utente 239XXX
Buongiorno,
Da qualche giorno mi sveglio al mattino con le prime tre dita della mano destra (pollice,indice, medio) intorpidite e più deboli, tanto da far fatica ad esempio a scrivere, ma nessuna difficoltà ad effettuare movimenti più ampi. Il problema si attenua durante il giorno e ricompare la matti a successiva..
gioco a tennis una volta alla settimana e inizialmente ho pensato si potesse trattare di uno stiramento, anche se non ricordo di essermi fatta male o aver fatto movimenti che lo possano aver causato..
Siccome faccio un lavoro d'ufficio che mi porta ad utilizzare spesso il pc, soprattutto ultimamente che ho passato diverse ore di fila ad inserire alcuni dati, ho pensato che potrebbe anche essere tunnel carpale..potrebbero essere questi i sintomi? A parte il fastidio alle dita e la sensazione di mano gonfia, non ho altri dolori.. Nel caso cosa posso fare per prevenire un peggioramento?
Grazie mille
Monica

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Filippo Boriani
24% attività
4% attualità
16% socialità
SESTO FIORENTINO (FI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Cara Monica, complimenti per l'autodiagnosi, infatti, con i limiti di quello che posso desumere in una e mail, potrebbe ben trattarsi si una compressione del nervo mediano. Spesso questa compressione avviene a livello del tunnel carpale, ma talvolta la sede dello schiacciamento del nervo puo' essere altrove nell'arto superiore oppure possono coesistere piu' sedi di compressione nervosa. Per questo motivo e' importante farsi vedere prima possibile da uno specialista chirurgo plastico o ortopedico con interesse in chirurgia della mano. Se poi fosse confermata la iniziale sindrome del tunnel carpale, occorrerebbe un fisioterapista specializzato nella mano per confezionare un tutore e guidare in esercizi specifici che possano favorire una neurolisi fisica, cioe' un tentativo di decompressione del nervo mediante movimenti attivi e passivi del polso.
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo dott.Boriani, la ringrazio innanzitutto per la celere risposta.
Martedì sera andrò dal mio medico di base per la prescrizione degli accertamenti del caso..
Nel frattempo c'è qualche precauzione che dovrei prendere? Posso praticare attività sportiva (tennis e equitazione) e lavorativa ( scrivere, battere al pc ..) o e' meglio evitare?
Grazie ancora
Monica
[#3] dopo  
Dr. Filippo Boriani
24% attività
4% attualità
16% socialità
SESTO FIORENTINO (FI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Di nulla. Finche' non sappiamo esattamente cosa sta accadendo al nervo mediano consiglierei un po' di saggio moderato riposo, limitando l'uso della mano al minimo necessario quindi lavoro si', hobby un po' meno o nulla del tutto fino a che una visita specialistica, uno studio di conduzione nervosa o una elettromiografia non siano state eseguite.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dott. Boriani,

Stasera sono stata dal mio medico curante che mi ha infatti prescritto una elettromiografia per sospetto tunnel carpale. Però ora oltre alla debolezza delle prime tre dita, ho ogni tanto anche il mignolo addormentato o con formicolio e dopo aver battuto al pc per diversi minuti di fila, avevo in generale tutta la mano intorpidita..è sempre causato dal nervo mediano?
Dal l'esame che mi è stato prescritto si capirà subito qual è il problema?
Grazie ancora

Monica
[#5] dopo  
Dr. Filippo Boriani
24% attività
4% attualità
16% socialità
SESTO FIORENTINO (FI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Buonasera Monica, l'innervazione del mignolo dipende normalmente da un altro nervo, il nervo ulnare, ma stia tranquilla perche' gli studi di conduzione nervosa sono in genere rutinariamente estesi a tutti i 3 nervi dell'avambraccio mediano, ulnare e radiale. Per ulteriore sicurezza potrebbe ricordarlo al neurofisiologo che effettuera' l'esame, che ci terrebbe ad avere una valutazione dell'intera innervazione dell'arto superiore. Lo studio elettromiografico e di conduzione nervosa e' in genere estremamente attendibile per definire se e dove vi sia una compressione nervosa. Mi faccia sapere.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dott. Boriani,

La disturbo nuovamente con l'aggiornamento sulla situazione..
L'elettromiografia ha dato esito negativo, hanno controllato anche il nervo ulnare.. L'ipotesi a questo punto era di qualche problema ai tendini e mi è stata prescritta un'ecografia che ho effettuato ieri.
L'esito in effetti e' stato di tenosinovite all'abduttore lungo del 1 raggio con ipoecogenicita del legamento carpo palmare.
Il mio medico di base dopo aver visto l'ecografia, mi ha detto che non c'è nulla che io possa fare e che guarirà da sola, nel frattempo di fare tranquillamente le mie normali attività ( lavorare al pc diverse ore al giorno, lavorare a maglia,tennis, equitazione etc) e solo di smettere se sento un forte dolore.
Ora, io è da quasi un mese che ho questo problema e sinceramente la risposta del mi dottore mi è sembrata un tantino superficiale .. Davvero non c'è nulla che io possa fare per aiutare la guarigione? Dovrei farmi prescrivere una visita da uno specialista o altro? Io faccio sport a livello agonistico e non vorrei ricominciare troppo presto e fare danni peggiori..
Grazie,
Saluti

Monica
[#7] dopo  
Dr. Filippo Boriani
24% attività
4% attualità
16% socialità
SESTO FIORENTINO (FI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Cara Monica, si' le consiglio una visita specialistica da un chirurgo della mano. All'Istituto Rizzoli di Bologna se vuole questo servizio e' disponibile. E' necessario integrare la valutazione clinica tramite esame obiettivo con i dati derivanti dagli esami strumentali ecografico e elettromiografico. Nell'attesa di sapere esattamente cosa succede le consiglio un po' di riposo con la mano. Scusi il ritardo nella risposta
[#8] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore e grazie per la risposta.
Nel frattempo, su mia insistenza, sono stata inviata dal medico di base ad effettuare visita fisiatrica.
Il fisiatrica, visti gli esami strumentali effettuati, ha diagnosticato una sindrome di de quervain iniziale e mi ha prescritto 8 sedute di laser terapia.
Sono arrivata ad oggi alla seduta nr. 6 e purtroppo non ho notato molti miglioramenti.. Il fastidio era migliorato notevolmente durante le vacanze di natale ed ora, dopo aver ricominciato a lavorare, sta tornando..nonostante il laser.
La cosa spiacevole, oltre al dolore, e' la somma elevatissima spesa fin'ora in quanto a parte l'elettromiografia, tutto il resto (eco, fisiatra, laser) l'ho dovuto effettuare pagando privatamente (per la mia "fretta" di non aspettare fine marzo con il ssn)
Visto il suo consiglio a questo punto mi chiedo se forse non sia stata indirizzata dallo specialista sbagliato.. un chirurgo della mano potrebbe dirmi qualcosa in più? O il trattamento laser che sto facendo e' l'unica terapia possibile?
Scusi l'ulteriore disturbo, ma sono un atleta agonista e questo periodo di fermo prolungato mi sta creando non poca frustrazione..
Buona serata
Monica
[#9] dopo  
Dr. Filippo Boriani
24% attività
4% attualità
16% socialità
SESTO FIORENTINO (FI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012

Cara Monica, mi dispiace per la spesa salata con pochi risultati, ma a volte si devono tentare varie strade fino a che non si trova quella efficace. Per il De Quervain a volte funzionano anche le iniezioni di cortisone o il tutore. All' Istituto Rizzoli di Bologna la visita di Chirurgia della Mano viene data con tempi pressoche' immediati pagando un ticket di pochi euro.