Utente 298XXX
Buongiorno, come da oggetto ebbi una frattura lievemente scomposta del V° metacarpo. Dopo la riduzione, la radiografia in gesso mostrava un buon allineamento degli estremi di frattura, pur venendomi consigliata una nuova radiografia con controllo ortopedico dopo 7 giorni dal trauma (quest'ultimo risalente alla notte del 30/31 marzo) per verificare che l'osso non si sia destabilizzato.
Effettuando sport a livello semi-agonistico, mi premeva chiedere: dopo quanto tempo è possibile svolgere attività fisica, in particolare una leggera corsa? Questa, e il relativo movimento del braccio, potrebbe sfavorire la stabilità dell'osso? Inoltre, mi hanno detto che anzi le vibrazioni del corpo derivanti dalla corsa favoriscono la calcificazione dell'osso, poichè al contrario l'inattività decalcifica le ossa. Quanto può essere vera questa affermazione?
Grazie anticipatamente per l'attenzione.
Cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

se la frattura è stabile (gesso, stecca), può tranquillamente muovere l'arto.

Circa i tempi per una sufficiente consolidazione, dipendono dal tipo di frattura, dal maggiore o minore contatto tra i 2 frammenti, dalle terapie associate (magneto-terapia).
[#2] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2013
Seguirò i suoi consigli Dottore.
Grazie per l'attenzione e la disponibilità.
Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.