Utente 308XXX
mercoledì 12 giugno durante il lavoro in officina mi sono fratturato il metacarpo dell indice della mano sinistra.
al porontosoccorso mi hanno ingessato,in seguito a una tac e alla scoperta che era una frattura scomposta hanno deciso di operarmi venerdì prossimo 21 giugno.
ero molto teso durante la visita e nn ho potuto fare certe domande.
vorrei gentilmente sapere se dopo l intervento sarò ingessato nuovamente,e quanto tempo all incirca.
lo chiedo soprattutto per sapere se potrò fare le ferie al mare già programmate per il 23 luglio.cosa ne pensa,so che ci sono varie possibilità ma verosimilmente quante possiibiliyà ho?

vorrei anche sapere se il dolore perdurerà tanto?sto continuando a prendere antidolorifici(brufen 600mg)

la ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la presenza o meno del gesso dopo l'intervento dipende dal tipo di soluzione chirurgica utilizzata: se verranno usati i fili di K, ci sarà un gesso, mentre nel caso di microviti o di microplacca con microviti, in genere il gesso non viene utilizzato, a causa della notevole stabilizzazione dei frammenti ossei.

Non posso dirle di più, non conoscendo l'esatto tipo di frattura, nè le intenzioni dei Colleghi.

Circa il dolore, anche questo dipende dal tipo di frattura e dall'entità della scomposizione.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
grazie mille della risposta.

sono consapevole che la priorità è la guarigionema ma spero di sapere al più presto se devo annullare le ferie.

grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.

Può concordare con il suo chirurgo la soluzione più rapida, magari aggiungendo terapia domicilare con campi magnetici pulsati per accelerare la formazione del callo osseo.