Utente 730XXX
Ho un neo sotto l'ascella che da un paio d'anni presenta periodicamente(d'estate) un alone simile a un livido che dopo un paio di settimane si riassorbe.Premetto che non mi dà nessun fastidio. In questi giorni mi sono sottoposto ad una visita specialistica in un buon centro e la diagnosi è stata'nevo angiomatoso'. Mi hanno fissato l'intervento per asportarlo tra 2 mesi. Vorrei sapere se è necessario asportarlo obbligatoriamente. Questo perchè,siccome mi hanno detto che al momento non è riconducibile a nulla di grave,ho paura che toccandolo possa invece diventarlo... Posso fidarmi?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, la credenza che asportare un nevo benigno possa mettere in moto una trasformazione delle cellule circostanti in senso maligno è cosa vecchia e priva di fondamento.
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Se l'indicazione è quella è preferibile per la sua salute e sicurezza effettuare quanto richiesto: in alternativa lei è sempre libero di ascoltare un secondo parere diretto.

cari saluti

[#3] dopo  
Utente 730XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille. Saluti
[#4] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile giovane, in realtà quando si procede all'asportazione chirurgica di un neo esso non viene "toccato" affatto , in quanto si incide la cute sana intorno ad esso avendo appunto cura di non recare traumi al neo stesso.
Saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it