Utente 344XXX
buon giorno a tutti! premetto che sono vergine, fin da quando ero piccolo il mio pediatra controllando il pene aveva visto che il glande non si scopriva e mi aveva spinto a sforzarlo un pò anche con l''aiuto di creme, io purtroppo non avevo fatto niente e ancora ho questo problema, nell''ultimo periodo ho provato a fare un pò di "ginnastica" e ho notato che la parte di glande che si scopre è aumentata anche se comunque non riesco a scoprirlo del tutto, in più noto delle specie di crosticine gialle sul glande che penso siano un eccesso di produzione di smegma, come posso fare per riuscire a scoprire del tutto il glande? non vorrei operarmi!
mi scuso per la poca chiarezza ma non sono molto preparato in ambito medico!
grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

per risolvere il suo problema il primo passo è sentire in diretta il suo medico di fiducia e poi a ruota un esperto urologo od andrologo.

Sarà lui che, vista la sua reale situazione anatomica poi le indicherà le corrette strategie terapeutiche da seguire.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
grazie mille per al risposta! penso che proverò ancora per qualche mese a risolvere autonomamente con qualche esercizio e in caso non riuscirò a risolvere mi rivolgerò al mio medico!
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come spesso ripeto da questo sito e vista anche la sua "giovane" età, non perda troppo tempo prezioso e approfitti di questi "disturbi" , problemi anatomici e non sicurezze, per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.