Utente 358XXX
Buonasera, mi sono appena iscritto perchè trovo questo sito assai utile.
Il mio quesito è il seguente.
Da circa 3/4 mesi, puntualmente, ogni qualvolta compio un tratto di salita superiore ai 70/100 mt (camminando) inizio ad avvertire un dolore ai pettorali/petto che non riesco bene a descrivere. Idem se faccio una lunga scalinata, o se vado a fare un po di jogging, inizia dopo 5/6 minuti. E' l unico sintomo che compare, ma compare puntualmente (in quelle condizioni) per poi sparire quasi subito appena smetto e/o mi fermo. Non ho affanno, il battito è regolare, nessun altro sintomo. Non ho dolore al braccio, alla spalla etc etc. Ho fatto nel reparto di cardiologia del mio ospedale: ecg a riposo, da sforzo (durante il quale il fenomeno si è ripresentato) ecodoppler (la pennetta con il gel) tutto nella norma. Nella stessa giornata ho fatto anche le analisi del sangue. Solo mi hanno trovato la pressione un poco alta (ero molto agitato) e nel referto medico hanno scritto di monitorarla oltre a consigliarmi le analisi del sangue per l assetto lipo-glicidico (si dice così, vero). al mattino, ho 140/90 (confesso però che il fatto di misurarla per questo motivo, mi agita un poco). Che ne pensate?.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se la,prova da sforz fosse risultata negativa per ischemia e l ECG registrato DURANTE dolo fosse negativo mi tranquillizzerei .
Temga conto chela familiarita per infarti od ictus è un fattore di rischio di discreta entita
Quindi se avesse familiarita per ictus od infarti ed ancora peggio fosse fumatore, sarebbe meglo che le proseguire con le indagini. Es scintigrafia miocardica e
Arrivederci